martedì 25 luglio 2017

ALL HALLOWS, JACK O’LANTERN WEATHER, NORTH OF TIME - Bob Kaufman




Tutti santificati, clima da zucca di Halloween , nord del tempo


Un posto chiamato solitudine, una soffice città nel  paese d’ottobre un inimmaginato paesaggio che esiste in un irreale mondo reale, strade arterie di lava cliccano un suono di potenti lividi vissuti spessi archi inesistenti, si versano l’uno nell’altro, si riempiono l’un l’altro della loro vacuità, gridando silenzi attraverso stanze urlanti, non registrazioni visibilmente rotte cuciono ronzii illusori, come gli uccelli pietra piumati di nobile marmo spaccano l’aria solida, volando dal tamburo del rock, eterno poema di pietra del sole…  conosco un posto in mezzo fra in mezzo, dietro a dietro, di fronte al fronte, sotto sotto, sopra sopra, dentro dentro, fuori fuori,  vicino al vicino, distante dal distante, più distante della distanza, più vicino della vicinanza, un altro lato d’un altro lato.. lui mente sull’estrema facciata della musica… quell’oscurante piano di luce sull’altra faccia del tempo, continua ad andare aldilà aldilà…   inizia all’amaro finale

Conosco la stellosità ….   Conosco la perdita…   luce lunare muoviti.

Nessun commento:

Posta un commento