venerdì 20 gennaio 2017

Perdere tempo per non aver tempo da perdere






L’alba.
Occhi tristi già spalancati dalla
Consapevolezza, spina sotto l’unghia.
Pensando di poltrire su grasse nuvole
 mi sono incatenato ad un unto sofà
intrappolato tra volteggi pindarici che sempre
finiscono con lo sgomento,
paresi dovuta al non avere qualcosa
per cui piangere


No ho desideri.
Ma il cuore brontola.
Le scarpe da viaggio mi fissano
Inutilizzabili, i lacci li ho usati per impiccare
I miei nemici: Banalità
E buon senso.


Ogni parola scrivo e poi detesto
Perché non ho concetti da esporre.
Solo la Consapevolezza
Le Catene
I Volteggi
Lo Sgomento con cui perdo tempo
Per non aver tempo da perdere
Mi fa ricadere al suolo in uno schianto muto.


Dolce Ivy
La luce del sole illumina le mie frustrazioni
Allora ho deciso d’incontrarti
Nell’oscurità dei canali
Scavati dalle nostre angosce.
Ma unire le nostre solitudini ne ha solamente
Sottolineato l’incomunicabilità.
Ognuno di noi è solitudine,
Ogni solitudine è un tetro abisso
E tu ti sei affacciata,
a respirare la mia vertigine.

Oh Dolce Ivy
Vestiamoci da qualunquisti
Lavori hobby coiti acquisti
… e tieni in ordine la cella che potrebbero arrivare visite

…Poi non hai più tempo per far niente.
E’ lo splendore della vita che ti hanno scelto.
Perdere tempo per non avere tempo da perdere.
Nascere abbonati a tutti i comfort non richiesti
Ma parte inscindibile del pacchetto “vita moderna”
& sudare sangue sull’ingordo mulino del capitalismo
Ma se prendi il vaiolo ti curiamo gratis
E se muori t’intubiamo e ti fingiamo vivo,
che i contribuenti per noi sono importanti.


A questo punto
è obbligatorio drogarsi.
Drogatevi tutti!!
Pensate a divertirvi!!
Ormai non si finisce in prigione
& non si muore quasi più.
C’è solo da sudare un po’ di sangue all’ingordo dio denaro.

Drogatevi tutti !
Pensate a divertirvi
Per Dimenticare il tempo
In cui ci si divertiva a pensare.


Così va il mondo, Dolce Ivy.
Se non riesci a piangere
Mettiti in fila
Mangia sano
Bevi coca cola zero
Perdi tempo per non avere tempo da perdere
& pensa a divertirti
Per non divertirti a pensare


Ivy, io qualche lacrima
L’ho conservata in un barattolo
Mescolata alla voglia di farmi Del male.
Ora lasciami andare,

che mi faccio una pera di olio di palma.







Un mucchio di persone non hanno mai ragione,
La storia ce lo insegna, che se Dio esiste è un coglione.
Si inizia a stare stretti, siamo sette miliardi,
E altri nuovi arrivano a fare gli stessi sbagli.

E' solo mia, questa ironia,
Ma io ho voglia di scherzare e di volare via.
A prendersi sul serio ci vuole molto poco,
La storia ce lo insegna, che giocare dura poco.

Che gente di merda, che gente di merda,
Siamo solo fango sparso sopra questa terra.
Che il vento ci disperda, che il mare ci sommerga,
Le bestie sanno bene dov'è che il male alberga.
Che gente di merda, un tumore per la Terra,
Ci comportiamo esattamente come i parassiti.
Una zecca intelligente, il virus più potente,
Che il tempo estinguerà e non potremo farci niente.

Nessun commento:

Posta un commento