sabato 7 gennaio 2017

di Rimasti, Psicati, Bruciati ...




Antonio è forse l’unico personaggio di cui scrivo senza usare un nome fittizio.
Antonio è un rimasto.
La sua storia, che qualcuno m’ha gentilmente raccontato, è la seguente: una volta c’era un ragazzo bello e piacente, poi ha avuto un incidente ed è diventato brutto e stupido.
Tendenzialmente non credo a queste notizie campate in aria ma in questo caso mi va di fare un eccezione.
Mi ricordo di Antonio in quel posto underground nel quartiere dei froci.
Un’estate intera ad andare lì ogni fottuto mercoledì sera per ascoltare musica -spesso teknaccia da quattro soldi- conoscere persone scoppiate almeno quanto me, bere gin lemon e mangiare cale.
O pipparle.
E ritrovarsi regolarmente alle quattro del mattino a dirci “Dio can butei tra tre ore dobbiamo andare a lavoro”
Quel mercoledì ero fuori a fumare l’ennesimo cannone coi miei storici amici e con qualche gallina che non mi sono mai scopato quando ad un certo punto sentiamo un paio di colpi e qualche grido e niente, c’è Antonio che sta picchiando un albero.
Un albero bello grosso.
E Antonio grida, lo insulta e lo prende a pugni e- peggio ancora- a testate.
Qualcuno riesce a fermarlo e a trascinarlo via, m’immagino cercando di tranquillizzarlo con frasi fatte tipo “Anto lascia perdere, questo è troppo grosso, non riesci a buttarlo giù”
Poi vien fuori che Antonio ce l’aveva con un tizio che gli ha rotto il cazzo e poi se n’è andato dentro mentre lui, da bravo giovane represso, si è sfogato su un albero.
Antonio.
Che c’aveva sta risata tipo eheheheh a frequenza altissima.
-          <Io me lo ricordo al Florida, era lì su un divanetto con le mani sulle tempie, gli faccio “oh, cos’hai?” e lui mi guarda con ‘sti occhi terrorizzati e mi dice “ho lasciato le cale in macchina”. E allora gli dico “Ma dio can Antonio, siamo venuti su in autobus, eri seduto di fianco al Petru, davanti a me e Josh”. E lui mi sorride e mi fa “allora le ho mangiate tutte ehehehehehe”>

Chissà che fine ha fatto.  Si sarà perso.
Come il Blanco.
-          “ Va’ che il Blanco s’è ripreso un po’. Adesso parla, fa dei discorsi. No, beh, non è proprio a posto. Si, ma che c’entra? Diciamo che almeno riesce a finire le frasi, qualche anno fa non parlava neanche, non diceva niente, viveva solo nel suo mondo. Adesso almeno parla, poi si, vabbè, da qua a dire che è normale c’è una bella differenza, l’ho visto il mese scorso dopo anni e mi ha chiesto se faccio ancora i mobili e cose varie levigando il porfido, poveretto, gli ho detto di si e lui stava già parlando di un'altra cosa, non riesci a stargli dietro, non gli puoi dir niente a parte si ok vabbè ed essere accondiscendente con frasi fatte. Però almeno parla. Chissà poi sta cosa del porfido da dove l’ha tirata fuori. Che tra l’altro sempre quel giorno lì tira fuori dalla tasca un acino d’uva e allora, giusto per dir qualcosa, gli faccio “Hai mangiato uva?” e lui mi guarda male e mi fa “No, sarà una settimana che ce l’ho in tasca. Mi ha ispirato per fare un disegno. Una conchiglia con sopra una foglia con sopra l’uva, ma l’uva deve essere sulla foglia non sulla conchiglia.” E altre stronzate così, poi grazie a dio sono riuscito a sganciarmi che parlare coi matti mi disagia un sacco per dio, la odio sta gente.

Bacco invece c’è rimasto sotto anche peggio. E pensa che mio cugino mi ha raccontato che era un grande, andava in giro con lui e quelli del Jolly, sempre sorridente sempre voglia di spaccare il mondo, poi a ‘sta festa a Bologna gli si è rovesciata sulla mano la boccetta di lsd, lui ha provato a tamponarla ma zero, gli è salito un trip allucinante, è rimasto in un altro mondo per tre giorni e si è bruciato il cervello.
Ora lo vedi girare per strada col cagnetto, spalle strette, testa bassa, passo veloce, non parla mai con nessuno, non ha amici, donne , lavoro,  a parte le passeggiate col cane non esce mai di casa, è in paranoia durissima, non ricorda niente, non capisce niente, non sa niente.
Se è vero che gli imbecilli vivono meglio, Bacco deve avere proprio una vita bellissima.

Eh con l’ellessseddì non si scherza, cioè, finchè è un cartone tranqui, i cartoni di oggi avranno 50 microgrammi di principio attivo, quelli di una volta erano molto più forti, il fatto è che se invece di andare a cartoni te ne vai in giro con una boccetta coll’LSD liquida c’è poco da scherzare, ti si rovescia sulla mano e sei in overdose. Come quando giravano le Micropunte all’Alter, ti parlo di quindici anni fa, quelle erano delle cannonate da 300mg che hanno bruciato il cervello a un sacco di butei.

-          Guarda che non c’è bisogno delle micro punte per impazzire, i cartoni sono pericolosi comunque, Alberto è andato via di testa con uno solo. E si che era abituato, ne aveva presi altri ma poi ha fatto ‘sta serata coi suoi amici, tutti sereni e beati, lui imparanoiato abbestia inizia a dire a tutti “Guardate che vi sento” “Lasciatemi stare” “Smettete di prendermi per il culo” e i butei hanno provato a rassicurarlo un po’ ma dopo un po’ di tempo si son rotti il cazzo e probabilmente lui li stava trascinando tutti nel Bad trip quindi hanno deciso di non cagarlo più ed ogni volta che apriva bocca gli dicevano “Albe va in figa, smettila con sti discorsi e va a letto”. Erano in montagna a casa di uno, hanno dormito tutti lì nei sacchi a pelo e quando la mattina dopo si sono svegliati, Alberto era ancora lì sveglio che parlava da solo.
E’ stato l’inizio della fine. Non ci si poteva più parlare, non capiva più niente, era nel suo mondo, Paranoia dura, antisocialità, anni passati in casa da solo a bere alcool e fumare sigarette come se non ci fosse un domani ascoltando musica Goa tutto il tempo. Lui però ne è venuto abbastanza fuori. Diciamo che tra gli impazziti è l’unico che ora è tornato normale. Lontanissimo dall’Alberto di prima ma almeno se gli chiedi qualcosa ti risponde, dice frasi di senso compiuto e lo puoi lasciare andare in giro da solo.
Ah, per tornare più o meno normale ci ha messo sei o sette anni.




Antò, il Blanco, Bacco e Albe,
potevo esserci io al posto loro.

Anzi no, io gli allucinogeni li ho sempre evitati, non sono mica un coglione.

A parte quella volta in Costarica, quando pensavo d'impazzire,
Ma insomma, non sono mica un coglione, nessuno s'è mai ammattito con un quartino,
o  forse si?






3 commenti:

  1. Pure io gli allucinogeni mai toccati,minchia se è roba paurosa quella!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. meglio così,
      c'è tanta altra bella roba

      Elimina
  2. Grato di come mi aiutano miracolosamente il mio ingrandimento del pene che ho sofferto per così tanto tempo e da allora non ho mai visto alcuna forma di insulto dalla mia donna, prima di allora mi dice sempre tante cattive parole, che non sono Un uomo pieno, ma ora è dopo il sesso ed è arrivato a un punto quando sono stanco come abbiamo sesso dal 12AM fino alle 5AM e ho ancora chiesto di più, ma sono molto felice che dopo aver inteso con DR James la mia vita tornò Intorno, se avete problemi di eiaculazione rapida, problemi di erezione lenta e cumming in tempo. Tutto quello che devi fare è contattare DR James e avere i tuoi problemi risolti per sempre e avere una vita sessuale felice, con il tuo partner o coniuge. Perché oggi sono una testimonianza viva di azione DR James wonder crema. Non perdere più tempo e scrivere a lui nella sua email: enlargementherbs@yahoo.com o il suo numero app: +2349055637784

    RispondiElimina