giovedì 8 dicembre 2016

IL DIO DELL'ALCOOL



Ehi, sei tu il figlio di puttana che dice che bevo troppo?
 Sei tu quello che pensa che bisogna stare sempre sobri
 e sorbirsi tutta la merda che ci cola in faccia?
E ti pare di essere sveglio?

Io ti posso
 Far
 esplodere.

Potrei ammazzarti così
In un secondo
Mi basterebbe pensarlo.
Perché io sono il Dio dell’alcool.

Stasera sono uscito di casa con lo stomaco che rumoreggiava per l’appetito. Stavo impazzendo dalla fame e pensavo “sono talmente vuoto che bevo una birra e sono già sbronzo” allora appena sono arrivato al bar dai butei ho iniziato ad ingozzarmi di pizzette e merdate
 ma nel frattempo
ciccola ciaccola ho buttato giù tre pinte di rossa.
E STAVO DA DIO.
Poi siamo andati a cena e, mangiando, mi sono fatto altre tre piante di rossa.
Iniziavo a sentirmi un po’ sbronzo ma poi mi sono guardato intorno, ed ho visto il vuoto,
lo schifo,
 l’apatia
 e la merdosa qualunquaggine
 ed ho sentito il fuoco bruciarmi dentro


IO SONO IL MERDOSO DIO DELL’ALCOOL

E via altra birra, amaro del capo amaro del capo , e rumetto.
“La gente” saluta e se ne va a casa, il gruppo si screma e più passa il tempo più io mi sento bene, è l’una e venti, tutti abbandonano ed io inizio finalmente a risplendere, -dove cazzo andate merdosi figli di puttana?, ora vi posso spiegare Nietzsche, la teoria della relatività, Dada, tutto il cazzo che volete.
 Io so.
 Io sono.
 Io vivo.
E allora fanculo, finalmente il fiore è sbocciato e non c’è nessuno che lo osservi,
-perché domattina mi devo svegliare presto che alla mediaworld c’è il 49 pollici della samsung in super offerta ma ci sono solo cinquanta pezzi quindi devo andare là prima che finiscano-

E non sto parlando dell’amico con l’orologio da novecento euro, parlo di altri.
Si
Cristo
Ce ne sono altri

Perché la gente è COSì.
 L’ECCEZIONE SONO IO.
Ed io devo passo il mio tempo libero con stronzi laureati che dicono che the Lobster è un film di merda ed io sono un mongolo che consiglia cose da malati
.
Ti rendi conto?
Dai,
 tu che mi capisci,
ti rendi conto?


Io parlo di Steinbeck, della politica iUesSeiiiii,
io spiego cos’è realmente il satanismo
E per tutti sono quello strano
 rincretinito dai cannoni
 mezzo deficiente













Io ?
Io sono deficiente?
Se avessi bevuto un altro Presidente23anni potrei farti esplodere il cervello solo  pensandoci intensamente.
Io sono dio,
 ritardati del cazzo

IO SONO IL DIO DELL’ALCOOL

E questa è la cazzo di spiegazione del satanismo

IO

SONO

IL

MIO


DIO.




Però

Se non ci credi più
Se dormi e sei più stanco
Se oggi è già domani e non è successo niente
Se l’hai capito già però non riesci a dirlo.
.. che i nostri sogni sono più tristi uno dell’altro



C’è un solo modo per guardare oltre,
pianificare la propria morte
ed è fare i debiti è fare i debiti è fare i debiti è fare i debiti è fare i debiti è fare i debiti è fare i debiti è fare i debiti è fare i debiti è fare i debiti è fare i debiti è fare i debiti è fare i debiti è fare i debiti è fare i debiti è fare i debiti è fare i debiti è fare i debiti è fare i debiti è fare i debiti è fare i debiti è fare i debiti è fare i debiti è fare i debiti





8 commenti:

  1. Alla fine, non devi preoccuparti troppo del resto.
    Goditi la vita, i bei film, i grandi romanzi e tutto il carrozzone.
    Arriverà un momento in cui non sentirai neppure più cosa diranno certe persone.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dovrei decidermi a smettere di frequentare certe persone.

      E starmene a casa.

      Elimina
  2. Quanto mi ci leggo in questo post.
    Sapessi quanto cazzo è peggio, in questo caso, appartenere al fottuto genere femminile e avere gusti da maschio (da maschio strano, per giunta). Se ti dice di aver culo, riesci a stare da sola (io ci sono riuscita grazie al cielo). Quando tocca avere a che fare col genere umano senti discorsi "che gusti angoscianti che hai..." "ascolti musica che è rumore", "oddio ma che libri leggiiii". E poi ci sono i portatori insani di pene che ti si vorrebbero fare e poi non riescono a tenerti testa, perché i gusti che ho non sono una posa e allora se ti dico che a fare shopping non ci vado perché mi fa schifo, cazzo me lo proponi a fare il centro commerciale il sabato pomeriggio per vedere gente?
    In una sola frase, il male del mondo tutto in una frase.
    E scusa il commento da flusso di coscienza, ma è un mondo del cazzo. Però davvero, forse, qualcosa poi si salva e ci salva.
    Ps. Ministri belli da morire, ché esprimono perfettamente le mie misantropie e filosofie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Haha il centro commerciale il sabato pomeriggio per vedere gente.
      Tripla combo disgusto.

      Ti ringrazio, perchè i Ministri me li hai fatti scoprire tu con Il bel canto, e ora, pian piano, mi sto allargando.

      Però ti dirò che a livello musicale non ci trovo niente di che (a parte giusto un paio di pezzi), ma i testi son veramente grossi.
      Vestirsi male per confondere le acque è la mia frase della settimana.

      Elimina
    2. Ecco, vestirsi male ha uno dei testi che preferisco ultimamente. In un pezzo ci sta dentro tutta l'irrisolutezza del rapporto con mio fratello fighetto.

      Elimina
    3. Già il concetto del giro al centro commerciale fine a se stesso mi fa vomitare.Ma "vado al centro commerciale per vedere gente"è davvero l'apoteosi.Sull'alcool che fa stare bene e fa girare il cervello a mille straquoto,peccato che ho il moroso astemio ed il suo concetto del "Mela hai bevuto abbastanza" è piuttosto ristretto XD

      Elimina
    4. Anche il mio ragazzo è astemio. Salvo poi rubarmi l'alcool dal bicchiere o dalla mia bottiglia con la scusa "assaggio". Mi ha sempre stupito di quanta gente esista che ama il centro commerciale nel wee end per non comprare un cazzo ma vedere gente. Non lo concepisco.
      Per fortuna ormai non corro rischi :D

      Elimina
  3. ma ti rendi conto dei grandi progressi dell'immaginifico bobbolo thajathano negli ultimi cento anni??
    Quann'ero rigazzino io, non c'era altro, giusto qualche osteria ed una era proprio sotto casa mia e quannno ci passavo davanti piena di lavoratori e vecchietti di fronte al bicchier di vino od i più ricchi al mezzololitro.
    Oggi invece anche i mortidifame possono permettersi fior di allibbaggioni, grazie alla aculatezza della gestione nazionale dei nostri amati caporioni che il bobbolo non si degna mai di ringraziare come ha fatto ultimamente mandando a casa un bravo giovine che tanto aveva dato ai lavoratori a partire dagli ottanta euri ai più assetati

    RispondiElimina