giovedì 11 agosto 2016

Pulsazioni frequenze energia magnetismo tesla musica


C’ho una teoria, che in realtà sarebbe di un mio amico ma io gliel’ho rubata perché si sa, gli scrittori rubano tutto ciò che d’interessante hanno intorno e lo scrivono. Che poi 'sta teoria originariamente si basa sui discorsi di Nikola Tesla ma ognuno c’ha aggiunto del suo.
Iniziamo:

L’aria non è propriamente aria, vedil come un fluido molto molto molto rarefatto che chiameremo etere.
Tutto ciò che è vivo pulsa ed emette energia. L’energia ti precede e va in giro per l’etere come gli strani fasci d’energia che escono dagli addomi dei personaggi in Donnie  Darko. Tutto pulsa. La terra pulsa ed emette energia.

Nikola Tesla fece un esperimento: aveva sto “trasmettitore di amplificazione”, un derivato ultrapotenziato della bobina che gli aveva permesso di produrre la corrente alternata, e con questo strumento lui riuscì ad accendere una gran quantità di lampadine situate a 40 chilometri di distanza, ovviamente senza utilizzare fili.
L’esperimento è stato effettivamente realizzato ed ha avuto successo ma i magnati del tempo non vollero elettrificare il mondo a quel modo perché avevano già un ottimo business da loro stessi costruito su sistemi più convenzionali basati sulla trasmissione di energia elettrica con uso di fili e con il Tesla Style non si guadagnava nulla.

Torniamo a noi:
tutto ciò che è vivo pulsa ed emette energia, trasmette segnali nell’etere, segnali che viaggiano su frequenze diverse, e tutti noi abbiamo delle antenne che ci permettono di captare questi segnali.
Per far si che l’uomo s’allontani sempre più dalla strada della conoscenza, i potenti hanno riempito il mondo di segnali e le frequenze “vitali” sono coperte da tv, cellulari, wireless, pc, etc etc quindi la nostra antenna è sempre intasata.
Perciò quando vado sull’adige e me ne sto lì scalzo, sull’erba, ad ascoltare il rumore dell’acqua guardando le nuvole che si muovono nel cielo mi sento sempre bene. Inizialmente non capivo. Mi dicevo “chissà come mai a casa ogni tanto mi viene su la malinconia tristezza spleen e invece quando sto in mezzo alla natura sto sempre bene.
Beh, ora ho deciso che è perché solo in quei momenti la mia antenna non è sovraccarica e si può nutrire delle energie positive.

Ovviamente io sono dio e la vita è ciò che percepiamo quindi quello che io decido è.

Altrettanto ovviamente ognuno ha la sua antenna, c’è chi ce l’ha bella grande e la tiene pulita e continua a lucidarla per captare meglio il mondo e c’è chi c’ha l’antenna sporchissima e non capta un cazzo.
Io personalmente mi sbronzo come uno stronzo e fumo hashish per offuscare l’antenna sempre sovraccarica. Perché la mia antenna funziona abbastanza bene e questo fottuto sovraccarico di segnali merdosi lo sento sempre, lo sento troppo e non riesco a viverci.


Tra le altre cose Tesla sosteneva che si potesse trasmettere energia positiva per migliorare l’umore delle persone e addirittura guarire determinati problemi attraverso la musica.
Mozart lo sapeva e guarda caso faceva musica a 432hz.
I nazisti volevano obbligare la gente a produrre musica a una frequenza diversa.
Allora nel 1953 a Londra i potenti decisero di standardizzare le frequenze a cui registrare i brani musicali. “Da adesso la musica si fa a 440hz!”
E così è stato.
Oltre a Tesla altra gente pensa che la musica a quella frequenza abbia proprietà benefiche o addirittura curative ma non voglio tediarti, se t’interessa il discorso fai delle ricerche, c’è un sacco di roba in rete, anche i Pink Floyd hanno fatto della musica a 432hz.


E così, a sorpresa,  colpo di scena, con la musica non c’entra un cazzo ma con Tesla si, introduco il grande Pierluigi Ighina, uno scienziato italiano che tutti credevano pazzo ma che secondo me aveva delle idee grandiose.


Compiti per casa: Guarda il video, se puoi approfondisci le cose che dice e poi dimmi che ne pensi.



Ps: lo so ho scritto male, ho fatto un minestrone con dentro di tutto, ho messo troppa carne al fuoco, ma almeno ora hai della roba interessante da leggere, se vuoi.

Vuoi?

Non vuoi?

Nessun commento:

Posta un commento