venerdì 5 agosto 2016

Bla bla bleah






In pratica dopo il pranzo sporchissimo all’american graffiti restiamo solo io e Josh che mi dice oh dalle sei alla palestra c’è festa, fuori dietro nel giardino musica alcool e piscina, l’ ingresso è gratuito, ci lavora anche Viola, la barista vacca. –Viola è sempre vestita da zozza e guarda in maniera provocante qualunque maschio da 16 a 50 anni entri nel suo campo visivo-
Vabbè andiamoci.
C’è poca gente, musica reggae, Viola ha una camicetta annodata con l’ombelico di fuori, è super truccata come tutte le volte che l’ho vista, ha i capelli fighi, una specie di frangiona arrotolata che le scende sul lato sinistro del viso e una bandana blue legata in testa, le chiedo uno spritz e lei si gira per prendere qualcosa dalla cella frigorifera piegandosi a novanta e i vecchi al banco quasi sverdano, la Viola ha su sti leggins neri super tirati che son praticamente trasparenti e sotto si vede bello limpido sto perizomino nero che sui fianchi è tirato abbondantemente sopra le anche.
La prima cosa che ho pensato?
incredibilmente troia.
Viola ci fa da bere e ci presenta una sua amica che è lì da sola poveretta. Questa è stata mollata dal moroso 5 giorni fa dopo 5 anni d’amore e niente, ragazzi fatela bere che poi lei si scatena, diventa una maiala.
Sta tipa, il nome non lo ricordo, è bassa, in carne – non grassa, non ho detto grassa, però è bella piena insomma, forse un filino troppo piena, ecco si, è grassetta – e c’ha ste due tette bombe atomiche lì in bella vista e oddio cristo le ciglia finte. Lei va a mettersi il costume e io dico a Josh che così è troppo, già che a me piacciono le tipe semplici che vanno in giro struccate con la gonna e i sandali ma qua veramente non ci siamo, siamo di una volgarità – e si, mi sono sentito un po’ frocio quando l’ho detto- assoluta. Una col culo di fuori che fa gli sguardi sexy e quell’altra colle tette giganti mezze fuori e le ciglia finte vabbè la tizia torna e la parte sopra del suo costume rosa fluo è di due taglie più stretta, è evidente, le tette le stanno scoppiando fuori;  facciamo un bagno, poi iniziamo a bere cose, la tizia va a cambiarsi il pezzo sopra del costume perchè dice che le schiaccia un po’ troppo le tette, -che per caso non ve n’eravate accorti?- si scopre che lei è cubana e vuole per forza ballare perché il regghetton è uaaooo troppo ballereccio, ma mica posso ballare da sola dai è tristissimo.
Tu coi capelli così belli sai ballare sicuro.
Io non ho mai ballato nella mia vita e di certo non inizierò oggi, mi dispiace.
Josh balla solo con tasso alcoolico superiore a 1.6 –balla senza fare nessun passo, si pianta per terra e inizia a piegare un po’ le ginocchia a ritmo di musica mentre si struscia su qualche femmina, le mani quando non sono addosso alla femmina si muovono nell’aria a casaccio come guidate da una forza estranea- e c’è ancora distante, la cubana si mette a ballare da sola lì a un metro da me e scuote il culo continuamente, lo dondola qua e là qua e là e poi ogni tanto shakera e fa tremare tutto e a parte quei chiletti in più si muove in maniera molto valida ma io cazzo non ce la posso fare, c’è tanta bella roba per carità ma io sono disgustato, sta qua ha le ciglia finte, si è messo un costume due taglie più piccolo per farsi strabuzzare le tette e così, per conoscersi, si mette a sbattermi il culo in faccia. E cinque minuti fa con gli auricolari in mano mi ha chiesto dove va L e dova va R.
Ma in che cazzo di posto sono? Josh mi devi portare a casa sto impazzendo, è un’ora e mezza che ascolto reggaeton, mi sono rotto il cazzo di bere, non c’è un cazzo di niente da fare, tu non parli e stai lì col telefono in mano, sta qua balla e quasi mi twerka addosso e più la vedo scuotersi come un animale in calore che cerca di conquistare il compagno mettendo in mostra tutto il suo piumaggio o cazzi vari e meno mi vien voglia di darle un pezzo di cazzo. Vado via. Josh comunque portatela a casa tu che sei di bocca buona e lei ce n’ha bisogno.
Josh tentenna, vuole stare qua altre mille ore e non gli va di portarmi via, dice che è ancora presto.
Pago un americano a tutti, Josh lo beve con una certa ingordigia e si vede che inizia a carburare, di colpo rinsavisce, decide di portarmi a casa, passa a prelevare altri quattrini e torna dalla cubana. Io mi faccio una canna e scrivo. E ricordati che
even GOD
Herself
has fewer plans than me

and
When I say nothing,
 I say everything

They put me down in a lazaretto
Born rotten, bored rotten
I have no time left
Time is lost,
 no time at all,
throw it in a garbage can
And I shake God's hand
I jump up and let her know when I can






7 commenti:

  1. Bello 'sto pezzo. Anche se racconta l'anticamera dell'inferno. Roba che, la prima cosa che ho pensato, è che fa bene chi imbraccia un fucile e comincia ad ammazzare tutti.
    E non so mai capire se è peggio la tipologia di femmina-cagna (ampiamente disseminata sulle croste terrestri) o la tipologia di maschio-infoiato da volgarità abbondantemente esibite (come sopra).
    Certo che è una vita schifa...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. secondo me sono brutti uguale.

      ma il tuo blog l'hai chiuso??

      Elimina
    2. Il mio blog l'ho chiuso perché non ho niente di interessante da dire. La voglia di scrivere c'è. Boh... Da che ho smesso di fumare,tabula rasa.

      Elimina
    3. ah, capisco
      "un tempo pensavo
      che i libri si facessero così:
      arriva il poeta,
      muove appena le labbra
      e subito canta l'ingenuo ispirato:
      ma prego!
      E invece s'è scoperto
      che prima di cantare
      vagano a lungo e incalliscono,
      mentre sguazza sommessa nella melma del cuore
      la stupida tinca dell'immaginazione."

      Majakovsky, ovviamente.

      Elimina
  2. certo che col 90% delle donne con la figa di legno, te ne capitano un paio che appartengono al restante 10% e tu non ci fai nemmeno un pensierino.
    Il fatto è che da ragazzi non si hanno le idee chiare, io ricordo chiaramente che se la caviglia non era affusolata neanche le prendevo in considerazione, che col senno di poi sai quante volte me lo son chiesto: ma a che cazzo serve una caviglia?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... Footjob?

      O si dice feetjob??

      Bill

      Elimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina