martedì 31 maggio 2016

pensieri abortiti #322

In questi giorni sono una conchiglia vuota.
Non tocco un libro da settimane, non ho voglia di leggere niente, non mi viene da scrivere niente (di serio), il dentista mi ha tolto un dente incastrato, mi ha dovuto tagliare la gengiva e poi ricucirmela con ago filo e una manciata di punti.
L'unica cosa che mi va di fare, a parte bere e fumare, è suonare l'armonica. Oggi ho provato a suonarla un pò, mi si è scollato un punto, la gengiva mi è scesa dal canino che ora è praticamente tutto scoperto. Fa male. E il mio dentista è in ferie. Lunedì andrò lì, mi toglierà i punti e me ne rimetterà altri. E poi via, di nuovo, altri dieci giorni a mangiare lentamente, bocconi piccoli, da una parte sola della bocca, altri dieci giorni - diciassette da oggi- a non poter suonare quella cazzo di armonica che è l'unica merdosa cosa che riesce a darmi un pò di soddisfazione.
Sono frustratissimo.
Nemmeno Majakovskij mi da sollievo.
Che poi le gengive mi si stanno ritirando un pò dappertutto, i dentisti dicono che non è piorrea nè scarsa igiene dentale, semplicemente la conformazione della mia bocca fa si che la mia gengiva, soprattutto sui canini, tenda a ritirarsi.
Dovrei farmi tagliare dei pezzi di carne dal palato e farmeli cucire sui canini. Sta cosa dovrebbe durare un sette otto anni, dieci se va bene, e poi dovrei farla di nuovo e di nuovo, ogni otto anni.
Forse voglio farmi strappare via tutti i denti ed andare in giro con la dentiera.
Via i denti via il dolore, dicono i saggi.
Ho deciso che la felicità è un modo di vedere: uno che vuole essere positivo riesce ad essere positivo, a godersi le piccole cose, a vedere il bicchiere mezzo pieno e a rialzarsi dopo ogni caduta.
Penso che il problema sia tutto qui: io riesco ad essere positivo solo per brevi lassi di tempo, poi piombo sempre nella solita sconfortante malinconia depressiva.
Sono semplicemente uno di quelli lì: un coglione.
Appena posso crogiolarmi nel guano mi ci ficco senza pensarci due volte, mi ci rotolo per bene  e poi mi lamento perchè puzzo di merda. E continuo a fare le stesse stronzissime cose.
Come un'auto che va su in salita e a cinquanta metri dalla cima resta senza benzina, a quel punto tiro il freno a meno, me ne resto un pò bloccato e poi decido di tornar giù a fare il pieno di merda. Quando ho il serbatoio pieno di merda ricomincio a salire e a cinquanta metri dalla vetta puntualmente finisco la benza/merda.
Posso tornar giù a far benza quante volte voglio, semplicemente ho il serbatoio piccolo, in cima non ci posso arrivare.
L'unica soluzione è provare a consumarmi di meno.










8 commenti:

  1. Che la felicità sìa un modo di vedere le cose è una grande verità.Io in casa ho il Khal che non è mai contento di nulla,vive sbuffando e sostenendo che essere felice vuol dire avere la villa non dover lavorare andare in vacanza in continuazione etc etc.E sono convinta che se pure queste cose le avesse,troverebbe di che essere scontento comunque.

    A me bastano anche solo un gelato ed una giornata di sole ;)

    RispondiElimina
  2. Dovremmo abitare più vicini. Certi discorsi, scritti da un cellulare, sembrano scontati e banali. Non dai vere risposte e non fai sentire la tua presenza. Comunque la capacità di essere felici è come un muscolo. Serve allenamento costante e, se abitualmente lo usi poco, fai fatica a usarlo per lunghi periodi. Dico. Per esperienza personale.
    Sta roba dei canini è allucinante. Io dovrei tornare dal dentista ma dopo l'ultima esperienza...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. beh puoi registrarti mentre dici cose carine per tirarmi su il morale e poi mandarmi la registrazione via mail.
      Così sentirei la tua presenza.

      Elimina
    2. Con la mia faccia da marmotta sì, sarebbe fichissimo :3

      Elimina
  3. Sono semplicemente uno di quelli lì: un coglione

    Essere consapevoli è già un buon inizio. Ora probabilmente ti manca solo la volontà di diventare altro.

    E' che a un certo punto bisogna anche decidere di crescere.

    PS: hai già visto il film KYNODONTAS ? non c'entra un cazzo con tutti questi discorsi però è bello strambo e parla di "canini" :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non ho volontà di diventare nulla,

      Sono un tipo antisociale, non ho voglia di far niente,
      sulle scatole mi sta tutta la gente.
      In un'isola deserta voglio andare ad abitare
      e nessuno mi potrà più disturbare



      Kynodontas me l'ero già segnato, ora lo sto scaricando. E' degli stessi tizi di The Lobster quindi dev'essere per forza geniale.

      Elimina