domenica 29 maggio 2016

Alcooooooooooooooooooool

Merda che serata stasera, sono sbronzo come un uallatranzaboja.! Ma partiamo dal principio.
Ero lì che lavoravo e pensavo stasera me ne sto sdraiato a letto cannetta finale di champions non bevo niente alcool, faccio una settimana di ramadan quando La Cantante mi chiama e mi dice stase c’è sound là, vieni a mangiare da me poi andiamo su, siamo in 4 o 5 festagrande.
Allora sono andato.
Bello, cazzo. Il sound era una merda incredibile. Ad un certo punto c’era una proiezione su una parete e otto deejay che suonavano insieme uno affianco allaltro. Una merda incredibile. Se dovessi descriverlo in due parole direi merda incredibile. O Rumore banale.
Allora abbiamo iniziato a far su joint e comprare bottiglie di vino ed offrirne bicchieri a destra e a manca, e c’è st’amica della cantante che è una roba fuori dal comune: bella, ma bella da star male, fabbrica gioielli, li produce e poi in vari modi cerca di sponsorizzarli e venderli, inizia a parlarmi dello schifo dei gioiello, dell’odio per lo sfarzo, mi dice che il suo scopo finale è decostruire il gioiello e –ora sono ubriaco e non capisco un cazzo e mi ricordo poco – ma il modo in cui mi spiegava tutto ciò mi ha fatto venire in mente Carmelo Bene che decostruisce e spersonalizza le poesie e quindi mamma mia mamma mia sto impazzendo poi quando mi parla mi si avvicina e mi fissa con sti occhioni scuri senza abbassare mai lo sguardo e mi sento il sangue che bolle , mi fa quasi star male , lei continua a fissarmi e si avvicina e parla e intanto con la coscia mi tocca e non può non accorgersene poi si stufa si alza e se ne va allora parlo un po’ con un tizio che fa il grafico, con un camiciato barbuto che mi spiega che la musica digitale è fredda e poi conosco Betty.
Betty ha 52 anni, ne dimostra 37, alla fine degli anni 80 si colorava i capelli e faceva la punk, nel 91/92 è entrata nel mondo delll’ecstasy e dei party underground, nel 97 lascia la sua città ed inizia a vagare prima per l’italia in vari centri sociali poi per l’europa, per un periodo si stabilisce a londra, ha una passione per il fetish e fa vari lavori inerenti alla sua passione, ci parla di spiritualità, ci spiega che quando ti si apre una porta (della percezione/conoscenza) tu non puoi far altro che entrarci e continuare su quella strada alla ricerca della porta successiva, io le dico che mi sta dicendo queste cose perché era destinata a dirmi queste cose e le persone che incontriamo sul nostro cammino son lì perché devono essere lì, non per caso, lei è contenta e fa una canna di hashish che dura tipo venti minuti, poi si mette a parlare col mio parrucchiere mentre arriva il suo schiavo. Siamo in una festa tranquilla, ragazzi in maglietta, ragazze con la gonna, vino birra muscia e spinelli, e c’è sto tizio con una maschera in faccia e un collare. La Betty continua a parlare col mio parrucchiere, il suo schiavo è molto nervoso, immagino non veda l’ora di scoparla o farsi sodomizzare, ah,la Betty ha un corpetto da fata fatto con cera sciolta, una specie di corona e delle ali giganti da fata.
 La Betty, nel caso non si fosse capito, è una super scoppiata incredibile. Spacca i culi per il largo.
Comunque ad un certo punto non capisce più un cazzo ed inizia a barcollare allora il suo schiavo se la porta via e non voglio sapere come cazzo la concerà, spero almeno che lei si ripigli un pelo. e ci rendiamo conto che sono le due, siamo qua da quattro ore, abbiamo bevuto 4 bottiglie di vino, non c’è più nessuno e dovremmo andarcene.
Devo guidare io.
Sono ubriaco come uno stronzo di merda.
Parto, arrivo allo stop, obbligo di svoltare a destra, aspetto che passino due auto e svolto a sinistra, trenta metri più avanti una pattuglia di carabinieri, hanno già fermato un’altra auto, passo incolume gridando, dopo duecento metri una pattuglia di finanzieri dall’lato opposto della strada, il Mio Parrucchiere mi dice andiamo mangiare qualcosa per favore, io sto ridendo istericamente e mi rendo conto che sto ridendo ma in realtà sono shokkato e spaventato e sto pensando al ritiro della patente e alle migliaia di euro di multa ma rido lo stesso e grazie a dio capisco che uno che ride in una situazione del genere non sta bene quindi vado in panzerotteria e mi faccio un panzerotto una cotoletta una mozzarella una crocchetta e due polpette: sono ubriaco uguale a prima ma almeno non mi viene più da ridere, chiedo al parrucchiere se può guidare lui e mi dice “sono sbronzo anche io dormiamo in macchina cazzo ce ne frega” , allora decido di guidare io fanculo gli sbirri fottuti, esco dalla città  incolume, mi tranquillizzo e appena entro nel mio paese di merda vedo un’altra pattuglia di carabinieri ferma sul lato opposto della strada. Non hanno fermato nessuno, non c’è nessuno che sta sopraggiungendo nel loro senso di marcia, loro mi guardano ed io passo lentamente tirando una carrettata di bestemmie e trallallallalla nessuno mi ferma, metto giu il Mio Parrucchiere poco più avanti, passo davanti ad un locale merdoso dove ci vanno a ballare i negri (non sono razzista sono proprio negri) e toh, lì fuori c’ è un negro con dietro il suo branco che sta gridando in faccia ad un poveretto caucasico, e gli passo davanti proprio mentre il negro tira il primo blocco ìn faccia al tizio comunque fatto sta che in fin dei conti riesco a tornare a casa sano e salvo. Era un sacco di tempo che non tornavo alle tre di notte e cazzo puttana ludra è una cosa che non si può più fare, la tripla pattuglia mi ha segnato profondamente, ma vaffanculo le autorità merdose, il punk vive, il punk vince, gli sbirri non mi hanno avuto , io ho fatto serata, sabato prossimo torno in giro sbronzo e magari investo tua figlia.
Tanto si sarebbe fatta riempire da un rumeno.

Puttana.








ps vedo verde quindi se ci son errori tienteli, se non capisci qualche cosa capiscila e se non la capiscila fottiti

2 commenti:

  1. Un gran bel post sopra le righe. Non ti dico bravo, ma molto fico. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bella serata in effetti, ma devo smettere di guidare.
      o di bere.

      No, di guidare.

      Elimina