sabato 26 marzo 2016

Leggete Comma 22


Comma 22 di Joseph Heller è un libro semplicemente meraviglioso. Un'avventura surreale, una nera, sferzante satira sulla guerra, perennemente in bilico tra idiozia e demenzialità, piena di dialoghi paradossali e divertentissimi. Una bellissima scoperta, uno dei libri contro la guerra più belli che abbia mai letto. Altrochè Addio alle Armi, questo Comma 22 ti fa ridere e subito dopo piangere. E' vonneguttoso, insomma. E certi capitoli sono scritti benissimo. Il protagonista, Yossarian, è me, e te, e tutti noi.  Non c'è bisogno d'aggiungere altro. CAPOLAVORO.






S'era messo con impegno ad allungare il corso della sua vita. E lo faceva coltivando la noia.
Tale era l'impegno di Dunbar nell'allungare il corso della propria vita, che Yossarian pensò fosse morto.






Ci vuole del cervello per non fare soldi: qualsiasi sciocco al giorno d'oggi può fare soldi, e la maggior parte degli sciocchi li fanno. Ma che dire di coloro che hanno talento e cervello? 





I soldati impazzivano e ricevevano in premio delle medaglie





Appleby era un biondino che credeva in Dio, nel matriarcato, nell' "america way of life" senza mai pensare un momento a queste cose




"Tu stai parlando di vincere la guerra, io di vincere la guerra e salvare la pelle"
"Esattamente. E quale delle due cose pensi sia più importante?"
"Per chi? Apri gli occhi Clevinger. Per uno che sia morto non ha la minima importanza chi abbia vinto la guerra"



Il colonnello aveva molto coraggio e non esitava mai ad offrire i suoi uomini.




Egli non riusciva a far loro capire che lui era un capriccioso vecchione di 28 anni, che apparteneva a un'altra generazione, a un'altra era, a un altro mondo. Che l'idea di divertirsi lo annoiava e non valeva lo sforzo, e che anche loro lo annoiavano. Non avevano abbastanza cervello per essere degli introversi e delle anime represse.




"Deve essere pazzo, per il fatto stesso che continua a volare dopo aver sfiorato la morte così tante volte... Certo, posso esonerare Orr, ma prima deve chiedermelo lui"  [...]
"Allora dopo che lui te l'ha chiesto puoi esonerarlo?"
"No, dopo non posso esonerarlo"
"Vuoi dire che c'è un Comma?"
"Certo, il Comma 22: tutti quelli che desiderano essere esonerati dal volo attivo non sono veramente pazzi"
Orr sarebbe stato pazzo se avesse compiuto altre missioni e sano di mente se non lo avesse fatto, ma se fosse stato sano di mente avrebbe dovuto compiere altre missioni di volo.
SE VOLAVA ERA PAZZO E NON DOVEVA VOLARE. SE NON VOLAVA ERA SANO DI MENTE E DOVEVA VOLARE
"E' davvero un bel comma, questo Comma 22"





Il mio idolo Kurt Vonnegut e Joseph Heller si conoscevano e si stimavano reciprocamente, in fondo entrambi avevano partecipato alla seconda guerra mondiale, entrambi erano scrittori ed entrambi condividevano lo stesso humor nero e quel modo sardonico, allo stesso tempo triste e divertente, di descrivere il mondo.
Alla morte  di Heller, Vonnegut gli dedicò un breve scritto, che vi riporto qui:


Joe Heller

Una storia vera, parola d'onore:
Io e Joseph Heller, uno scrittore
importante
e divertente, ormai morto
stavamo ad una festa offerta da un miliardario
sulla Shelter Island.
Ho detto: "Joe, che impressione ti fa sapere
che il nostro ospite solo ieri
ha forse guadagnato più soldi
di quanti ne ha fatti il tuo
romanzo Comma 22
in tutto questo tempo?"
E Joe ha detto: "io ho avuto qualcosa che lui
 non potrà mai avere"
E io ho detto: "E che sarà mai, Joe?"
E Joe ha detto: "La certezza di aver avuto abbastanza".
Non male! Riposa in pace!


J. Heller



J.Heller e K.Vonnegut


17 commenti:

  1. Mi manca. Ma a questo punto lo recupero alla grande.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao James, fidati di me, gran libro.

      Elimina
  2. Non conosco nessuno dei due...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Silvia, carissima. Comma 22 è lunghetto, più di seicentocinquanta pagine. E se non ti piace il genere potresti trovarlo difficile da mandar giù.
      Tra l'altro non saprei nemmeno dirti che genere è. Direi humor nero/satira/surreale.

      Ti consiglio, se ti va, di cominciare con qualcosa di Vonnegut, Mattatoio 5 è universalmente riconosciuto come il suo miglior libro. Poi mi piacerebbe mi facessi sapere cosa ne pensi, perchè io amo veramente questi due tizi.

      Elimina
    2. Carissima ??? :)
      il surreale mi è indigesto.
      lo è anche questo Vonnegut?

      Elimina
    3. Si, allora ti consiglio vivamente di stare ben lontana da entrambi.

      Che, carissima è eccessivo?
      La prossima inizierò con uno "Stimata Silvia" o simili.

      Elimina
    4. Va beh scusa non volevo essere scortese :)

      Elimina
  3. tu consigli spesso libri (consigli che spesso seguo.... felicemente tra l'altro).

    Chi li consiglia a te ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di solito frugo su internet, per questo anobii è molto utile.
      Poi leggo a chi si è ispirato chi ed è una catena infinita.

      Nello specifico, Comma 22 l'ho scoperto grazie a "information is beautiful", un libriccino che attraverso diagrammi e tabelle parla un pò di tutto. Ne avevo parlato tempo fa.

      Prova a googlare information is beautiful book everyone should read.
      Ti appare questa nuvola piena di scritte, ogni scritta è il titolo di un romanzo, quelli scritti in carattere più grande sono i più consigliati su internet.
      Ci sono un sacco di classiconi da moby dick a orgoglio e pregiudizio, e tra i più consigliati c'è anche Comma 22.
      Giustamente.

      Sono molto felice che tu segua i miei consigli, ci tengo molto, e tra gli amici/conoscenti che frequento nella vita vera non mi ascolta nessuno. Sono tutti troppo impegnati a lavorare, andare in palestra e farsi belli.

      Elimina
    2. a chi lo dici... i miei amici non leggono nemmeno la "gazzetta dello sport" :D

      Elimina
  4. 650 pagine mi intimidiscono un pò,ma Mattatoio 5 prima o poi lo affronto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai, poi fammi sapere! anche dovessi leggerlo tra due anni!

      Elimina
  5. Lessi Comma 22 perchè appassionato di aerei e trovai un libro meraviglioso, tanto che intorno al '98 mi scelsi Yossarian come nickname su Usenet, poi abbandonato perchè c'era un altro lettore di Heller più autorevole.

    Sì, con questo consiglio letterario ti sei garantito una dose di gratitudine!

    Vonnegut ho cominciato a leggerlo dal primo romanzo seguendo la fanciulla che voleva essere una rockstar ma non è stata una scelta felice. Mi sa che era meglio partire da Ghiaccio-nove.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il primo Vonnegut (quello di Madre notte) non m'è piaciuto niente.
      Mattatoio, ghiaccio nove, Mr rosewater la colazione dei campioni e tutto il filone con Kilgore Trout tanta tanta roba

      Elimina