martedì 22 dicembre 2015

Music time

Quando ho scoperto che Hurt non è un pezzo di Jhonny Cash ma è una cover ci sono rimasto di sasso, la canzone è troppo sua, lui la rende sua, la interpreta la riempie,se la cuce addosso, e cazzo, vederlo lì a settant’anni che sembra faccia fatica a parlare e inizia “oggi mi sono fatto del male per vedere se riesco ancora a sentire qualcosa” SBANG ti ha già crepato il cuore e, come se non bastasse  “Mi sono concentrato sul dolore, l’unica cosa vera”. E poi il ritornello “cosa sono diventato, mio più caro amico? Tutti quelli che ho conosciuto se ne sono andati via. Puoi averlo tutto, il mio impero d’immondizia. Io ti deluderò. Io ti faro del male”. Poi la seconda strofa si chiude con “You are someone else, I am still right here” che mi ha di nuovo fatto pensare a Johnny vecchio, che ascolta la versione originale e piange pensando a tutte le persone che ha visto morire.  Mamma mia, una gran gran cover veramente incredibile. E pensa a come stava Trent dei Nine Inch Nails quando ha scritto la canzone nel lontano facciamo millenovecentonovantatre. L’ha scritta che non aveva nemmeno trent’anni. Assurdo. La versione originale è anche molto più inquietante di quella di Cash,  per tre quarti del brano c’è un rumore di fondo che non saprei come descrivere e che sicuramente ha come unico scopo quello di farti sentire male.


Ora dovrei mettere il video della versione di Cash o di quella dei NIN?

Fanculo la coerenza, Vado di Afterhours? No dai, rispolvero un pezzo che mi faceva impazzire ma che non ascolto dalle superiori:



Don't want to live in your misery
I don't live - I inhale

9 commenti:

  1. "Tra il dolore e il nulla io scelgo il dolore", diceva William FAulkner.
    E' una frase che ho fatto mia.

    Trent è un genio assoluto.
    E sono speciali tutti quelli di cui hai scritto, per me.

    RispondiElimina
    Risposte

    1. me lo dici perchè, in questo caso, coincidono con i tuoi? :D

      Elimina
  2. Le cover di Cash sono incredibili proprio perchè lui aveva un potere unico di renderle proprie.
    Stupenda. Un pezzo che amo.

    A proposito, non sono sparito, domani ti chiamo.

    RispondiElimina
  3. Scommetto che l'hai scoperta per via di quello spot della Nike di qualche anno fa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so di che parli. Ho visto il video su mtv quando mtv era ancora un canale musicale. Andavo alle superiori. E quando ieri ho realizzato ciò, stavo per vomitare. Pensavo fossero passati sette otto anni invece il pezzo è del 2002. Il tempo passa troppo. Stiamo morendo.

      Elimina
    2. "This is your life, and it's ending one minute at a time."

      Elimina
  4. Innamorata come sono della versione di Johnny Cash, ho voluto sentire la precedente. Dissonante, mi ha dato una leggera nausea e quella sensazione sulla pelle che mi dà il rumore di un vetro sulla lavagna. Notevole. Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prego, carissima.
      comunque il vetro sulla lavagna mi manca.

      Elimina