martedì 6 ottobre 2015

Troppo troppo vino

Ciao caro diario, come stai?
- Come vuoi che stia? Sono un diario. Sto.
- Sei mica un blog?
-Sono un diario, un blog, il cazzo che ti pare, tanto sono solo dentro la tua mente.
-ok, scusa, è che sono sbronzo.

Oggi ero con Gwreiz e siamo andati in un osteria in centro,  ci siamo seduti per mangiare qualcosa e subito vicino a noi si sono appollaiati due tizi con una chitarra e un violino. Hanno preso del vino e fatto della bella musica.
Anche noi abbiamo preso del vino.
E’ l’una di  notte e sono ancora fottutamente sbronzo, fottutamente del tipo che non sono nemmeno nelle condizioni di girarmi una canna e farmela perché al quinto tiro potrei sboccare o cadere svenuto sulla cazzo di tastiera.
Il violinista era un fottuto 44enne che la sapeva lunga. Ha studiato in un conservatorio di parigi, eppure non gliene fotte un cazzo dei concerti e delle orchestre lui, vi caga in faccia, stronzi.
Va in giro per le osterie del centro, suona quel cazzo che gli va, oggi ho sentito battisti, blues, cori da stadio, country, tanti auguri a te, flamenco, e altre cazzo di cose che non mi ricordo perché sono sbronzo cazzo. Comunque lui beve gratis mangia gratis e prende qualche soldo per tirare avanti.
Mi ha detto ”è questa la vita del musicista, giri, suoni, ti diverti, e cerchi di tirare avanti, ma la gente pensa che sei un coglione”.
Io gli ho detto “solo i coglioni pensano che tu sia un coglione, io penso che sei un grande, e fanculo i congiuntivi” e l’ho abbracciato.
Poi il chitarrista ha attaccato un blusettone da panico, il fottuto proprietario del locale è apparso con una cazzo di armonica in bocca ed ha iniziato a strimpellare duro e cantare a squarciagola stronzate mentre io battevo come un forsennato i quattro tempi (col controtempo al terzo quarto) sul cazzo di tavolo e un milanese che non so chi cazzo era o fosse , decidi tu quale ti suona meglio,  suonava sta specie di bastone pieno di conchiglie, beh mi sono divertito come un orso e sono anche riuscito a tornare a casa senza schiantarmi quindi ora sono qua sbronzo a scrivere che la gente è tracotante , e tu sei fottutamente stupido, coglione. Spero che muori, senza i congiuntivi, perché non li meriti, bastardo, stupra cose, poltiglia, spam, diarrea
E ti chiederai, giustamente, “perché ce l’hai con me?”

Perché detesto il clichè dell’uomo che non deve chiedere mai, dato che se non chiedi non sai, coglione stronzo. Fanculo.

2 commenti:

  1. ma te arenni conto che 'sti cazzi de bastardi falliti se ne vanno in giro suonanno quello che gli pare senza pagà nulla alla siae
    te arenni??
    Ricorda che anche quanno fischietti quarcosa che non sia frutto della tua mente doveressi da versacce quarcosa sul nostro cc che noi c'avemo tanto de bisogno
    c'avemo

    RispondiElimina
  2. Uhm non ho capito..cmq vabbeh.
    Viva l'essere ubriachi!
    Abbasso il vino.(Odio il vino)

    RispondiElimina