mercoledì 29 luglio 2015

statistiche

Mi ricordo che qualche mese fa (fumando molte canne è difficilissimo stabilire quanto tempo passa da un dato momento, tutto è avvolto dalla nebbia, tutte le cose che hai fatto sembrano roba di qualche mese fa, forse due forse tre, certe cose le hai fatte venti giorni fa, altre quattordici mesi fa, ma il tuo cervello ti dice sempre “qualche mese fa” )pensavo che son triste e non c’ho mai niente da dire, e parlo sempre delle stesse cose.
Ma non è mica vero, sono solo negativo pessimista e scemo. In realtà ho un sacco di cose da dire.
Sul blog ho scritto
43 post nel 1012
40 nel 2013
52 nel 2014
73 quest’anno (74 con questo) e mancano altri 4 mesi.

Cazzo ci sto riuscendo. Scrivere (anche inutili banalità)  sta iniziando a diventare un esigenza, un bisogno, come fare la cacca.
Sto diventando come Bukowski. Bevo e ho bisogno di scrivere. Sono sulla buona strada. Ora dovrei scrivere bene e soprattutto scrivere cose interessanti, poi immagino arriveranno anche le donne.
Ah, per essere come Bukowski devo anche leggere tanto e siccome io sono pignolo e alle mie cose ci tengo, su anobii segno tutti i libri letti con relativa data e controllando le statistiche ho scoperto cose interessanti. Ovviamente sono cose interessanti solo per me, non avrebbe nemmeno senso scriverle, non interessano a nessuno, ma siccome mi scappa di scrivere, scrivo. Anche inutili banalità.
Quando ho scoperto i libri “quelli veri” ero grande, li avessi scoperti prima forse vabbè è meglio non pensarci, comunque quando ho iniziato a leggere avevo 18-19 anni e sono impazzito
Nel 2008:    21 libri letti      6197 pagine
2009   :        31 libri letti      7265 pagine
2010  :         31 libri letti      7828 pagine (record!)
poi inizio a lavorare più di due giorni a settimana e mi trovo la morosa
2011:         18 libri letti      4316 pagine
2012 :        16 libri letti      4589 pagine
2013:          7 libri letti       3585 pagine
2014:        13 libri letti      2852 pagine
Si cresce, cazzo, c’è la vita, cose da fare, problemi, mi sto spegnendo
2015:        17 libri letti      4242 pagine

E invece no, cazzo, sono rinato, sto andando come un treno, e ho sempre più fame, ed ho già in lista lettura: Limonov di carriere, il vangelo secondo lebowski, orgogliosa sorella morte(wolfe), ogni storia d’amore è una storia di fantasmi, oblio e come diventare se stessì di DFWallace, uomini e topi e furore di Steinbeck, la vendetta e dove sei mathias della Kristof, preghiera per un amico, ossi di seppia, Racconti matematici, Gioventù cannibale, il maestro e margherita, middle march, la moglie dell’uomo che viaggiava nel tempo e comma22, che è quello che al momento è quello che m’ispira di più. Sono tanti, non li leggerò mai tutti entro fine anno, ma se riesco ad arrivare a 31 pago da bere.



7 commenti:

  1. se vuoi riuscire è meglio che tu faccia l'esatto contrario: se non li finisci paghi da bere...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Maledizione, Magne! Sei un maledetto genio. È la risposta più azzeccata che abbia sentito. Devi avere un maledetto quoziente intellettivo di 160. Sei maledettamente dotato. Cit

      Elimina
  2. Forrest Gump: [salendo sullo scuolabus] Mia madre dice che non devo andare in macchina con gli sconosciuti.
    Conducente: Ma questo è l'autobus della scuola.
    Forrest Gump: ...io sono Forrest, Forrest Gump.
    Conducente: E io sono Dorothy Merrits.
    Forrest Gump: Bene, ora ci conosciamo



    Tenente Dan: Volevo vedere se mi reggo in piedi su una barca.
    Forrest Gump: Ma lei non li ha i piedi tenente Dan!
    Tenente Dan: Sì, questo lo so già.

    Forrest Gump: Sei una mamma, Jenny!
    Jenny: Sono una mamma. Si chiama Forrest.
    Forrest Gump: Come me!
    Jenny: L'ho chiamato come suo padre.
    Forrest Gump: Anche suo padre si chiama Forrest??


    mi piscio addosso.

    RispondiElimina
  3. gioventù cannibale.
    te l'avevo detto che ti sta bene addosso già dopo aver letto tre post.
    cazzo, adoro dire "te l'avevo detto".
    fa stronza cafona da morire.
    te l'avevo detto.
    te l'avevo detto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ce l'ho in lista lettura ma ci metterò un pò a leggerlo, prima ho altra roba! Poi almeno potrò dirti se mi ci rispecchio!

      Elimina
  4. Intanto steinbeck lo devi leggere, pochi cazzi. Non è pulp e delirante come i tizi che leggi ma ti consiglio Vicolo Cannery, ma anche L'inverno del nostro scontento. Furore è impegnativo dal punto di vista ideologico, sicuro?
    Ps sono in loop con ana tijoux e le bimbe pure. grazie <3
    Pps che ansia sti numeri

    RispondiElimina
  5. Ho letto tantissimo fin da quando ero piccina, ma di tutte quelle pagine molto è andato perso. Amo aNobii, sono pure passata a guardare la tua libreria (che, per la cronaca, ho trovato bellissima) e negli anni passati ho letto molti libri... Ho notato, però, che ad un certo punto si era innescata una dinamica strana, una sorta di gara con me stessa... Che più leggevo e più le cose mi attraversavano senza lasciar segno. Non so a quanti sia capitata una cosa simile. Nel mio caso, quelle statistiche hanno prodotto il bizzarro risultato di farmi confondere la quantità con la qualità, di farmi vivere come importante il numero di libri letti e non ciò che ciascun libro mi aveva dato. A parte questo, guarda che Bukowski era un disperato eh. Io l'ho amato tanto, quando l'ho conosciuto, ma ero ben consapevole del fatto che il nostro era un amore possibile solo a distanza, che di persona probabilmente avrei finito per odiarlo già dopo un paio d'ore... Ha lasciato delle opere stupende, ma ho seri dubbi sulla qualità della sua vita e sul fatto che, potendola ricominciare, l'avrebbe rifatta senza cambiare nulla. Ecco, mi hai fatto partire nuove catene di seghe mentali... E siamo solo alle 8 di sabato mattina, accidenti a te.

    RispondiElimina