lunedì 15 giugno 2015

5 migliori personaggi dei libri

I cinque personaggi dei libri (che non esistono nella vita vera) con cui vorrei andare a farmi una pinta in un pub.
Scritti in ordine sparso

1: Pereira, di “Sostiene Pereira” – Tabucchi

2: La Vache Beadsman, detto “L’anticristo”, fratello di Eleonore, la protagonista di “La scopa del sistema” di DF Wallace

3: Sick Boy, ovviamente da Trainspotting di I. Welsh

4: Tad Allagash, miglior amico del protagonista di “Le mille luci di New York” di Jay McInerney

5:  Michael Pemulis, miglior amico di Hal Incandenza, da Infinite jest, di nuovo DF Wallace.



Sottolineo che i personaggi non debbono esistere realmente (son capaci tutti a dire: voglio farmi una pinta con Bukowski) e, per te,  mi accontento di tre nomi invece di cinque, perché ho scarsa fiducia nell’umanità e per aver cinque nomi forti occorre aver letto un buon numero di libri(cosa che l'umanità si guarda bene dal fare). 

Allora tu con chi andresti a cazzeggiare? Dimmelo, mi interessa, sul serio.

10 commenti:

  1. 1) Godot , sì, proprio quel famoso Godot che non arriva (Beckett)
    2) Bernardo Soares di "Il libro dell'inquietudine" (Pessoa)
    3) Robert Kincaid, il fotografo di I ponti di Madison County

    RispondiElimina
  2. Godot è una gran scelta.

    non per fare il rompicoglioni ma Bernardo Soares non so se vale. Non è semplicemente uno pseudonimo di Pessoa??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per una volta non puoi chiudere un occhio? :-D

      Elimina
    2. Mi sembra giusto, visto che sei l'unica che mi ha detto la sua!

      Elimina
    3. Dai, do il sostituto (nel caso ci ripensassi): Martin Eden, di Jack London.

      Elimina
  3. Godot ispirerebbe anche me, però non sopporto i ritardatari. Inoltre si vocifera si tratti di dio, sicché col cazzo.
    1. Jean-Baptiste Grenouille da PROFUMO
    2. Tyler Durden di Fight Club
    3. Brandy Alexander da Invisible Monsters
    4. Sick Boy da Trainspotting
    5. Milton da Una questione privata
    6. Antoine, protagonista di COME SONO DIVENTATO STUPIDO
    7. Il killer di Diario di un killer sentimentale

    Per ora mi vengono in mente solo questi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao EEEEVVVVVVVVV!!!

      Tyler Durden era il mio numero sei,
      Brandy Alexander non l'avevo pensata ma è un grossa scelta. Solo che dovrebbe bersi la pinta con una cannuccia.

      Vado subito a vedere che cazzo è Come sono diventato stupido.

      Elimina
  4. Dunque, sono le 6.38, mi sono appena alzatae te ne tiro fuori solo tre e in ordine rigorosamente sparso (nota: questo post mi fa pensare che leggo gran storie ma pochi personaggi).
    1. Il protagonista di Viaggio al termine della notte, in pratica Celine, che era una fottuta anarchica, antisemita e impazzita rockstar.
    2. Orlando di Orlando, v. Woolf, incredibile cross gender di inizio secolo.
    3. Ah, i personaggi di Saramago sono pazzeschi. Ora mi viene in mente quello di Tutti i nomi e L'uomo duplicato, due rimasti incredibili.
    4. Ma lo scrittore di romanzi horror che appare in alcuni libri di vonnegut? Non mi viene il nome ma mi piace molto la sua descrizione in La colazione dei campioni. Povero, incompreso, integro. Ma ho amato anche Frank di Ghiaccio nove e ora che ci penso molti altri.
    5. L'ultimo che mi viene in mente è Danny di Pian della tortilla. Messicano, beone, fancazzista, comunista.
    Me ne stanno venendo molti altri, ottimi personaggi perlopiù negativi. Diciamo che ti ho citato quello con cui andrei a letto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Haha, LOL

      di Vonnegut andrei via con Elliott Rosewater.
      Lo scrittore è Kilgore Trout? E' fantascienza, cazzo, non horror.

      Ti adoro, pian della tortilla è magico, mi era completamente passato di mente, Danny Rulez.

      Perlatro dalle 6 e 38 alle 7 e cinque? Ci hai pensato a buso.

      Elimina
  5. Come ho potuto scambiare horror e fantascienza!
    Sì, Elliott è fotonico.
    Dalle 6.38 alle 7.05 mentre ci pensavo ho fatto 47 cose ;)

    RispondiElimina