sabato 23 maggio 2015

Trovo molto divertente la mia parte inconcludente

Io penso che le rime non siano necessariamente un bene o un male, sono un gusto, come il pistacchio.
Che chiaramente non me gusta.
Ti pare per caso che i Sex Pistols usassero delle cazzo di rime?
Anzi ti dirò di più.
-Devi per forza?
-E tu da dove cazzo salti fuori?
-sono la tua parte indecisa.
-in che senso indecisa?
- Mmm, non lo so.
- Ok, capito. Le rime sono una costrizione.
- Lo dicono tutti quelli che non sono in grado di usarle.
- no.
- si.
- No.
- Boh, forse hai ragione tu, sono indeciso.
- E’ molto più facile scrivere in rima, la cosa difficile, semmai, è scrivere in rima senza sembrare un coglione
- beccati i primi trenta secondi di sta robaccia
- Vasco-fiasco? Prove gode?        Bevi... piedi???
-  Esatto, senza rime sembrerebbe meno coglione.

- la mia testa nei morsi di gogna, i sensi di colpa nei sorsi di cognac, la paranoia
  le sere m’ingoia come un bicchiere di nero di troia, viene l’angoscia come ad utoya
- immagino non sia fabri fibra
- è caparezza. Usa sempre le rime e non sembra mai un coglione. Ora la domanda è
- che domanda?
 - ti odio, parte indecisa e fastidiosa di me, lasciami stare. Caparezza è un grande, ce n’è uno su 10 milioni. La domanda è: tu puoi essere caparezza? Io no, e piuttosto di correre il rischio di diventare fabri fibra anche solo per pochi minuti preferisco andare a mano libera come Charles, Walt, Allen e quella gente lì.
- sei convinto?
- Si, bastardo. Senz’altro.

- Io no, domani scrivo un post in rima, così per darti fastidio.

Nessun commento:

Posta un commento