giovedì 2 aprile 2015

Non-recensione

Se c'è una cosa che ho capito di non saper fare, sono le recensioni.
Una cosa che invece so fare bene, è dare consigli ai giovani.

Consigli ai giovani: Fatevi le canne.
Piccole, grosse, a bandiera, senza filtro, con due filtri, con tre, con 6 cartine. Fatti i carciofi.
E quando ti sarai sfangato i coglioni di fumare canne potrai assumere hashish in altre maniere.
Te lo puoi mangiare, basta che lo sgrani e lo metti in un pentolino con del latte, scaldi il tutto e togli lo scarto schifoso che viene a galla.
Poi col latte all’hashish ci puoi far na torta.
Meglio che cerchi su un sito decente come farla come si deve.

Se non c’hai cazzi di star lì a cucinare ti puoi sempre fare un bong, se non hai un bong crealo con una bottiglia.
Quando invece si vuol fumare un chillum ma non si ha un chillum ci si può sbizzarrire.
Se non hai paura di tagliarti le dita puoi spaccare una bottiglia di birra e tenerne il collo. Dalla parte dove dovresti bere infili una sigaretta spaccata in 4 per far da filtro, poi riempi di mista, metti il saffi e via.
Se hai tempo puoi, con un cacciavite, scavare un tunnel all’interno di una carota bella grossa, (se hai una certa abilità poi anche ricavare uno stone dalla carota scartata, in alternativa creane uno con della carta d’alluminio), metterla in freezer per almeno mezzora, poi via, la riempi e la fumi.
Perché in freezer? Perché è meglio.
Rock.
Se ti piace la frutta si può fumare anche quella.
Prendi una mela o una pera, ci scavi un cratere sopra, fai un buchetto di lato che arrivi giusto sotto al cratere, inserisci un filtro dall’alto, fai uno strato di tabacco sulle pareti del cratere per assorbire l’umidità del frutto e poi riempi di droga.

Due tizi egiziani mi hanno detto che lì da loro si fumano i bicchieri.
Prendi un bicchiere largo, prendi una sigaretta e del fumo morbido.
Spezzi la punta della sigaretta quel tanto che basta per riuscire ad incastrarla dentro in bicchiere. Al centro della sigaretta fai un piccolo foro e ci infili il fumo precedentemente ammorbidito e allungato a biscetto.
Dai fuoco all’estremità del biscetto che sporge dalla sigaretta, lascialo accendersi e poi soffia sulla fiamma in modo che il biscio continui lentamente a fumare, incastra la sigaretta dentro al bicchiere, 
, con in biscio rivolto in basso. Tappa il bicchiere con un sottobicchiere o un cd o un libro o qualsiasi cosa e aspetta che il biscio si consumi e che il bicchiere si riempia di denso fumo azzurrognolo-grigetto, discosta un angolo del copri bicchiere e aspira avidamente.
E’ più facile farlo che spiegarlo. Alla fine è come far così.

Se sei una persona seria e valida devi, almeno una volta nella vita, farti "un secchio": diabolico metodo per strafarsi che viene utilizzato anche in una scena del film che dovevo recensire:
"E morì con un felafel in mano".
Guardatelo, l'ho messo anche nella lista "film che dovreste guardare" qua a sinistra.



Ps: Sono sconvolto, oggi ho ascoltato una canzone di un gruppo di ragazzi che partecipa ad "amici" di maria de Filippi. E sai cosa? L'ho ascoltata anche volentieri. Stra funky. Però non la metto perchè mi vergogno, metto un pezzo serio:



5 commenti:

  1. La mia sacher alla maria se la ricordano ancora, i miei amici: in 4 ce la siamo divorata bevendo rhum invecchiato durante una notte d'inverno di 6 anni fa. Giocando a monopoli. Ricordo solo il rumore delle mascelle di uno di questi miei amici che continuava a masticare e ingurgitare. E ricordo di aver vinto. Il resto è vuoto.

    RispondiElimina
  2. Haha grande Eve!
    Io invece ricordo una sera da un amico, sempre 6 o 7 anni fa. Abbiamo sciolto il fumo e ci siamo accorti che sto somaro non aveva il forno, siamo impazziti e abbiamo deciso di fare una specie di budino, l'abbiamo messo in freezer ma non si rassodava, eravamo giovani e impazienti, affamati, ricordo sta poltiglia marrone semi liquida dentro una scodella. Ognuno di noi aveva una scodella di liquido disgustoso, lo bevevamo a cucchiaiate, o direttamente dalla scodella, come fosse caffelatte.
    Eravamo in tre. Dopo un'oretta io e uno dei tizi abbiamo iniziato a ridere e non ci siamo mai fermati per due tre ore, coi crampi allo stomaco e rischiando crisi respiratorie.
    L'altro tizio ha riso mezzora poi ha iniziato a sboccare e non si è fermato fino al mattino seguente.
    Così impara a vivere senza forno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La crema di hashish non potrei farcela +_+ siete stati coraggiosi, idioti e irresponsabili allo stesso tempo (parla la Evey nonna, quella di qualche anno fa avrebbe emulato senza dubbio le vostra gesta).
      Ricordo che da Amsterdam fui l'unica a riuscire a portar via quella maria lì e altra robina grazie alle mie idee geniali. Ci smontarono la macchina, di ritorno da quel viaggio. Solo la mia idea funzionò. Potrei brevettarla.
      Bei tempi di giovinezze drogate.

      Elimina
  3. Ero arrivato a metà post e già pensavo "ora gli scrivo del secchio" e invece mi hai anticipato. I giovani apprezzeranno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è che sti cazzo di giovani son tutti su facebook e robe così invece di leggere i saggi consigli di nonno bill.

      Elimina