lunedì 10 marzo 2014

?????

La prima volta che mi sono rivolto alla KerrTM è stato due anni fa.
Ero nella tube, stavo andando in centro città dal mio spacciatore di stun-file, quando ho visto quella che secondo me era la ragazza con gli occhi più belli del mondo. Era seduta ad un paio di metri da me, infagottata in un pesante giubbotto di lana.
Si stava mangiando le unghie quando mi sono innamorato di lei. Lo faceva in un modo strano e dolce. Ero ipnotizzato. Ero fottuto. Ho pensato per 10 minuti a come fare per conoscerla, a cosa dirle per sembrare una persona interessante.
Non ho detto niente, non ho fatto nulla.
Lei è scesa alla stazione e se n’è andata per la sua strada.
Io più tardi ho avuto i miei file e mi sono stunnato.
Ma continuavo a vedere quegli occhi grigi.
Li ho visti per tutta la notte, mi hanno fatto impazzire ed ho deciso di incontrarli di nuovo.
Stavolta però avrei dovuto parlarle. Che ansia.
Il giorno dopo ho ripreso la tube alla stessa ora e non mi sono seduto, sono rimasto in piedi vagando avanti e indietro per i vagoni, cercando quegli occhi grigi
 ..ma non li ho visti.
Il giorno dopo ci ho riprovato ma niente, lei non c’era.
Sono tornato a casa depresso, non perchè non avevo un lavoro e non avevo amici e non avevo un futuro e non avevo un cazzo di niente. No, di queste cose non mi importava. Ero depresso perchè volevo rivedere quegli occhi.
Certo, lo sapevo, il mio cervello del cazzo me lo ripeteva continuamente: Quella tizia magari è stupida pesante fastidiosa, magari se la conosci non riesci a sopportarla più di 10 minuti
.. e cose così ma, cosa vuoi farci? Ero innamorato. Cotto. Completamente fottuto. La mia parte romantica che non sapevo di avere, per anni repressa con forza dentro di me, è di colpo esplosa nel mio petto e mi ha detto “ehi i colpi di fulmine esistono. Ne hai avuto uno. Lei è quella giusta”.
Per un attimo ho sentito sciogliersi quel grumo nel petto che da anni mi appesantisce il respiro perchè grazie a quegli occhi grigi anch’io posso essere felice.
Posso essere felice.
Poi il mio cervello mi ha fatto notare che quegli occhi, probabilmente, non li avrei visti più.
Ho iniziato a bere e poi ho iniziato a drogarmi e sono andato avanti per tutta la notte e tutta la mattina dopo poi, non so bene quando, mi sono addormentato.
Giovedì mattina mi sono svegliato stordito, ho mangiato del pane farcito, ho fatto una doccia e ho preso la tube fino in centro. Lei non  c’era.
Ho preso la tube alla stessa ora per 10 giorni di fila e quegli occhi non li ho più visti.
L’undicesimo giorno ho preso la Tube più tardi, verso mezzogiorno, e sono andato ad Est fino a Pemulis Square. Lì sono sceso e l’orologio che in quella serata pazzesca ho rubato a Jeffrey Skunk mi ha guidato prima in una banca e poi alla sede della KerrTM.

5 commenti:

  1. ma se invece di prendere la Tube ti fossi accampato alla fermata per vedere se saliva-scendeva........

    RispondiElimina
  2. un altra buona ragione per farcisi una bevuta sopra
    gli occhi poi, specie se grigi, grigi gatto, fanno sempre innamorare

    RispondiElimina
  3. Non l'ho vista, ma mi ci sono innamorato anch'io.

    RispondiElimina
  4. Le stazioni sono un luogo perfetto per innamorarsi; ti resta solo il bello niente crisi di coppia, niente di niente. Solo bei ricordi con occhi grigi.

    RispondiElimina