domenica 20 gennaio 2013

Che usi la sinistra o la destra sempre droga è.

I mancini, si sa, sono gente strana.
Sono creativi, eccentrici e fanno le cose al contrario.
Il Dex è mancino.
Infatti scrive i numeri partendo dal basso.
Ha scoperto solo qualche anno fa che i destrimani li scrivono dall’alto.
E ci è anche rimasto male.
Essendo mancino, mentre si fa la doccia, se è immerso in un pensiero, cosa che peraltro gli capita sovente, si lava il culo prima di lavarsi la testa.
Non è igienico, già.
Anche quando fa il gioco idiota che c’è nei giornalini enigmistici.. quello di trovare le parole nascoste dentro la griglia di lettere... beh.. non lo fa seguendo l’ordine alfabetico.
Perchè è mancino, lui, è uno estroso.
I mancini sono fantasiosi, infatti Maradona era mancino e giocava bene al calcio.
Il Dex era il maradona di Torbellino.
Lo Sluzti di Brestamaggiore.
Laszlo Sluzti era un calciatore ungherese degli anni ’50 che ha segnato 86 gol in 92 partite, poi è morto per un overdose di oppio ed è rimasto nella leggenda.
Per quanto possa restare nella leggenda un personaggio che esiste soltanto nella mia mente..
E in quella del Dex, ovviamente.
Brestamaggiore invece è, bah, fanculo, non ho voglia di inventarmi niente

 
Dicevamo?
Ah, si. I mancini. Ora che ci penso bene il Dex calcia di sinistro ma scrive con la destra quindi non è veramente mancino e questa lunghissima introduzione è inutile.

Beh siamo lì, io, Ross, il Moro, a casa del Dex, giù in taverna.
Ci son su i Deep Purple, roba vecchia, siamo seduti davanti al camino, abbiamo appena spento un cannone.
La serata è stata tipo: aperitivo con due bottiglie di prosecco, doppia canna, pizza doppia pasta con salsiccia peperoni e altra roba pesante, poi litri di birra, e altri cannoni.
Il Moro è cotto sulla poltrona in angolo e ci sta spiegando quanto sono importanti le papille gustative. Dice che senza di quelle la vita sarebbe orrenda perchè non sentiresti i gusti quindi è meglio rimanere senza mani che senza papille gustative.
Ross apre il mobiletto di legno che c’è dall’altra parte della stanza, lì vicino al corridoio che porta al bagno e al garage, e dentro ci trova una bottiglia di rum. E’ ancora sigillata. C’è scritto rum superior, mauritius e altra roba.
Il Dex dice che i suoi sono andati alle Mauritius l’anno scorso e che forse quel rum è meglio non berlo perchè è una bottiglia di quelle importanti e suo padre non vuole che gliele beviamo.
Quindi, ovviamente, ce ne sbattiamo le palle ed iniziamo ad andare giù di shot;
il rum è proprio buono, altrochè pampero di merda, sta roba anche se fa 40 gradi va giù senza bruciarti lo stomaco.
Tra una chiacchiera e l’altra, finendo le birre, beviamo credo 4 shot poi sentiamo il Garage aprirsi.
Il Moro, che stava facendo su, butta cartina e mista dentro la tasca del giubotto.
Un secondo dopo compaiono i genitori del Dex.
“I tuoi tornano presto?” Avevo chiesto io, ore prima, appena entrato in casa.
“Zio, playa assoluta, i miei sono a cena in figa all’orsa, torneranno tipo all’una” Mi aveva risposto il coglione.

Ora sbam i suoi son qua che ci guardano.
Noi siamo deformi. Occhi incendiati e gonfi.
Sua madre non dice ciao nè ‘sera o salve, dice “sento odore di canna”.
Il Dex attacca subito “Dai mamma non iniziare. Non abbiamo fumato, l’odore è nella tua testa”.
“Ah, è nella mia testa eh? E’ nella mia testa?” Il padre del Dex intanto va su per le scale come farebbe qualunque marito sano di mente.
“Si mamma, smettila”.
I due si scambiano qualche parola in toni tutto sommato abbastanza pacati, lui continua a negare, sua madre sale le scale indispettita.
Ci guardiamo in silenzio per trenta secondi poi il Ross dice “Beh, non ti è neanche andata troppo male”, la porta delle scale sbatte con un tonfo assurdo, ricompare la madre del Dex, ed inizia a gridare come una pazza schizzata “IO NON MI FACCIO PRENDERE PER IL CULO!!!!! FUORI TUTTI DA CASA MIA!!! USCITE TUTTI E NON FATEVI PIù VEDERE!!!”
Io mi alzo e mi metto il cappotto.
Il Dex resta sbigottito per un pò poi fa”mamma ma sei fuori di testa? Che sclerate fai? E voi state seduti, non andate da nessuna parte”.
“TU NON COMAAAAANDII, QUA COMANDO IIOOOOO, QUESTA è CASA MIAAAA!!!! HAI CAPITO??
IO NON VOGLIO AVERE UN FIGLIO DROGATOOO!!!
USCITE TUTTI!!!! E ANCHE TU NON PENSARE DI DORMIRE QUA STANOTTE!!”
Sua madre è andata faccia a faccia col Dex come fanno di solito i terroni. Lui le dice “che cazzo fai? Ma sei imbecille?” e appoggiandole una mano sul petto la spinge leggermente indietro.
Sua madre gli da una sberla in piena faccia, mezzo secondo dopo il Dex le mette una mano sul collo e la spinge via, con molta più convinzione di prima.
La pazza fa tre quattro passi all’indietro e cade sbattendo la testa contro una sedia.
Io sono davanti alla porta, gli altri immobili impietriti davanti al camino.
Gli faccio segno di venire via mentre sua madre urla a squarciagola “HAI MESSO LE MANI ADDOSSO A TUA MAMMAAA!!!!!! FAI SCHIFO!!! VERGOGNATI!! SEI UN DROGATO!! VAI VIA DA QUA!!! VAI VIA!!!!!!”
Sull’ultimo via le si spezza la voce ed inizia a piangere.
Io scoppio a ridere, sono sfatto, non riesco a trattenermi.
Sua madre inizia a prendersela con me ma subito scende il capofamiglia, allertato dalle grida della moglie e lei si rivolge subito a lui, in lacrime.
 gli dice che suo figlio l’ha picchiata.
Il Dex ha gli occhi lucidi e spalancati, le narici ingrossate e una vena orrenda sulla tempia che gli si gonfia ogni volta che va via di testa.
Noi siamo tutti davanti alla porta, la apro e, uscendo, dico”non l’ha picchiata, l’ha spinta via dopo che lei gli ha dato uno schiaffo” ed esco seguito dagli altri.
Sento il padre del Dex che dice “Ma” e subito suo figlio è giù a gridare”VAFFANCULO!!!! VAFFANCULO MAMMA! SEI UNA TESTA DI CAZZO A ROVINARMI LA VITA E TRATTARMI COME UN CRIMINALE PERCHè MI FUMO UNA CANNA OGNI TANTO. VAFFANCULO”  L’ultimo vaffanculo fa vibrare le finestre, noi siamo già in giardino e sentiamo il rumore di roba che cade e il Dex che urla “PAPà SPOSTATI DAL CAZZO SENNò TI SPACCO LA TESTA. NON CE L’HO CON TE MA VAI VIA. SPOSTATIIII!! E vediamo il Dex spuntare dalla porta gridando bestemmie.
Usciamo dal cancelletto e saliamo in macchina, fumiamo una paglia nel silenzio assoluto.

“Dove andiamo?” chiedo
“A bere. E mi serve un posto dove dormire”.
Ross propone di passare da lui a prendere le chiavi della casa in collina e andare tutti a dormire là per solidarietà col Dex.
La casa in collina è la casa dove vivevano i bisnonni del Ross. E’ vecchia, brutta, storta e scomoda ma tutti dicono ok. Il Moro dice “voi prendete le chiavi, passate da casa e ognuno prenda su qualcosa da bere e qualcosa da mangiare. Io sento il tizio e prendo quanti pezzi? 5?”     
  Il Dex dice “Io ne voglio almeno tre per me. Fermati lì che prelevo”
“ok, allora ne prendo 10 coì li paghiamo anche meno”.

Dopo 55 minuti siamo tutti e 4 sulla focus del Moro in direzione casa in collina.
 “Oh Dex” gli faccio “sai cosa pensavo?”
Lui è ancora incendiato, guarda fisso davanti a s e fa di no con la testa. 
“pensavo che ti è andata di culo, che i tuoi non ti hanno detto un cazzo per la bottiglia di rum.”
Finalmente lo stronzo si fa una risata.
“Grazie oh. Grazie di farmi compagnia”
“Grazie un cazzo, hai culo che è venerdì sera,quindi per 2 giorni festa grande poi però da lunedì son cazzi tuoi. E da me non puoi dormire, che mia mamma spacca il cazzo.”
“Puoi venire da me, e dormire sul divano” gli propone il Ross, che vive da solo.
“ si, è che mia madre...”
“Ssssshhh non me ne frega un cazzo, non voglio sentire niente su tua madre, hai tempo per pensarci, ma stase pensa ad altro. Ross porca madonna apri due birre passamene una e una dalla al Dex. Dex, fa su un cannone. Veloce. E Fallo grosso. Io intanto penso ad un discorso interessante per intrattenervi”
Il Moro mi fa “E io non faccio un cazzo?”
“Moro dio can tu pensa a guidare che non andiamo su da una rotonda di merda con la macchina piena di gotti e droga.”
Ross mi passa una Peroni da 66, ne bevo un bel sorso.
Oltre alla birra abbiamo vino, bamba, ganja, una pallina di afghano e un pò di Emmeddi.
L’emmedi non è molta, ma è straforte, super cristallosa e di color marrone.
Mai vista dell’emmedi marrone fino a due settimane fa, ma cazzo se è buona.

Per strada non c’è un cane e il cielo è pieno di stelle.
Metto su "and out come the wolves" dei Rancid ed alzo a bomba.
Parte la prima traccia e ricomincia la festa.

17 commenti:

  1. qualche volta vorrei essere tuo padre, ma ho paura che mi uccideresti un po' :D

    RispondiElimina
  2. Sono mancino e tutti ci tengono a ricordarmi che "sono il figlio del demonio". Ma essere figlio e padre nello stesso momento è già stato fatto.

    Non ho mai picchiato mia madre e prima di fare una seratona del genere a casa di amici, o mia, accertiamo che i rispettivi genitori siano ad almeno 100 km di distanza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tutti in genere si accertano che il parentame sia a km di distanza per le successive ore o addirittura giorni prima di iniziare a fumare megacannoni in soggiorno.
      Il Dex no.
      Il Dex è pazzo.
      Quasi come johnny paffuto

      Elimina
  3. peccato per le nostre origini cristiane, altrimenti anche noi come tutti gli altri bobboli occidentali avremmo un buon 50% di mancini.
    Chissà perchè la sinistra era la mano del diavolo? eppure mai visto un destrorso spararsi una sega con la sinistra.
    Leggende, credenze popolari, però pensa un po' come si sentiva il mancino cui legavano la mano dietro per costringerlo a far tutto con la destra e questo fino a pochi anni fa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. destrorso e destrimano sono due delle parole che suonano peggio in tutta la lingua italiana.

      Elimina
    2. e dicono che spararsi una sega con la mano "debole" sia carino perchè sembra che la mano sia di qualcun altro quindi, indiubbiamente, ci sono un sacco di destrorsi che si segano mancinamente.

      Così sia.

      Elimina
  4. A me sto post mi ha dato una sensazione di dejavù (mi son ritrovato di fronte scene simili) e nostalgia. Cazzo. La patente a punti e l'etilometro han rovinato 'sto paese dimmerda.
    Quando fai notare che ha avuto culo per il rum mi sono piegato dal ridere.
    Alla prossima festa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In compagnia, 4 o 5 anni fa ci siamo fatti fare delle felpe con su scritto
      "i vostri etilometri non fermeranno la nostra sete."
      Ed alla vigilia di natale c'è una ventina di coglioni che fa il giro di tutti i bar del paese (nel mio paese ci sono una trentina di bar. troppi) tutti con sta felpa addosso.
      Una banda di ritardati.
      Una banda di grandiosi ritardati alcoolizzati.
      oh yeah.

      Elimina
  5. a uno che risponde "zio, playa assoluta" non avrei dato molto credito. se era un bel "dio can stai tranquillo" mi sarei sentito più rassicurato.

    RispondiElimina
  6. volevo scrivere qualcosa come dio can stai tranquillo ma ho optato in zio, playa assoluta per rendere il tutto più giovanile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai fatto bene i ggiovani non capiscono il valore delle bestemmie

      Elimina
  7. Una volta entrò in salotto nostro fratello maggiore (l'omino di casa) : "Cos'avete fatto... la bistecca?"
    Noi due fratelli ci guardammo e rischiammo l'infarto per non sganasciarci di fronte a lui.

    Mi fai vivere dalle risate!!
    Siete un branco di matti ganzi.

    Saluti molti
    Paolo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il gangiotto che sa da bistecca voto 0!

      tra 7 giorni parto per amsterdam!
      White fucking weedle i'm coming.

      Elimina
  8. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  9. invidia allo stato puro, anche se non ho idea di cosa sia il white weedle...

    RispondiElimina