lunedì 17 ottobre 2011

13:Cose che succedono.

Questo post è troppo lungo. Quindi prendetevi il vostro tempo (sempre se ne avete voglia) e leggetelo con calma, magari dopo esservi rollati una bella spezia.


Sto bevendo una birra al bar mentre fumo una Chesterfield chiedendomi se sarà vero che l’assunzione di Lsd provoca degli scompensi che possono presentarsi anche a distanza di mesi. No perché se sono in autostrada ai centotrenta e mi torna su il trip non so come cazzo potrei prenderla. Di fronte a me c’è Josh che, con estrema eleganza, si sta togliendo della roba nerastra da sotto le unghie. Stiamo aspettando gli altri, che dovrebbero arrivare a momenti, poi dobbiamo andare a comprare l’alcool per la festa di domani. Festeggiamo il compleanno di Daniel,  su in collina dove facciamo i picnic di solito. Josh finora non è stato molto di compagnia, ma finalmente lascia perdere le sue unghie e mi fa -Ehi come va con la figa nuova?-
E gli rispondo – bene dai, siamo usciti un paio di volte e mi sto prendendo strabene, te la farò conoscere-. E lui emette un mugugno strano che credo stia a significare: te l’ho chiesto perché mi pare giusto farlo ma in realtà non me ne frega un cazzo. Poi torna il silenzio e per qualche secondo Josh torna alle sue unghie, poi si gira di scatto. -David hai sentito che i suoi di Ross divorziano?-
- No, non lo sapevo, come mai?-
-Mi sa che sei l’unico a non saperlo, ormai lo sa tutto il paese. In pratica suo padre arrivava a casa la sera sempre ubriaco e non aveva mai fiato per scopare così sua mamma si è trovata un amante, poi ci ha preso gusto e se n’è trovati un paio.-
-Che puttana- sentenzio.
-Beh, se lui non la scopava ha fatto bene. Non è che può star lì a marcire perché è sposata con un somaro-
Do l’ultimo tiro alla sigaretta e la spengo nel portacenere. Guardo Josh. -Ho capito, ma se come hai detto aveva più di un amante era proprio una vacca. Uno magari ci sta, per evadere dalla monotonia della vita coniugale, ma se son due vuol dire che è una troia--
-Beh in realtà girano voci strane, dicono che lei adescava uomini su internet e poi si faceva portar fuori, faceva serata, si faceva pagar tutto e poi li scopava.- Sgrano gli occhi. -Quindi mi stai dicendo che la mamma di Ross è una escort?-
-Boh sono voci. Non sai mai se sono storie vere o esagerazioni, fatto sta che suo padre è venuto a sapere degli amanti, anche perché lo sapeva tutto il paese, e l’ha pestata. Lei è finita in ospedale con un labbro rotto e non so cos’altro.-
-Figata. E Ross come l’ha presa?.
-Bene, dice che i suoi litigavano sempre quindi è meglio che divorzino.-
-Già. Ma chi ti ha raccontato tutto?-
-Mia mamma-
-Tua mamma?-
-Si, mia mamma. E’ amica di un amica della mamma di Ross e sai come son le donne, spettegolano continuamente e tutte san tutto di tutti.-
-Già. A proposito, hai sentito della Barbie?-
-Che ha fatto?-
-Sul serio non lo sai? Mi sa che sei l’unico a non saperlo, lo sa tutto il paese.-gli rinfaccio imitando il suo tono di voce.
-Dai non rompere il cazzo, dimmi che ha fatto-
- L’hanno farcita-
- L’hanno che cosa?-
- L’hanno riempita, l’hanno messa incinta.-
- L’HANNO nel senso che erano in tanti?-
-L’hanno nel senso che l’ha data via un po’ troppo ed è rimasta incinta ma non sa chi sia il padre.-
-Bene, bello. Ma è incinta di quanto?-
-Boh tipo 2 mesi e qualcosa, l’ha saputo da poco.-
-Bene dai. Io ci ho scopato tipo quattro mesi fa.-
-Ma tu non hai la morosa da sei mesi?-
-Si, cinque mesi e mezzo..-
-Ah bene.- Fermo il barista, ordino due negroni, butto giù la birra che mi è rimasta mentre Josh mi chiede - Ma il padre potrebbe essere uno dei nostri?-
-No, ho sentito che ultimamente ha scopato solo con due tizi, ma non sono di qua. Non so neanche come si chiamino. Bel casino però.-
-Bel casino si. Ma pensa di tenerlo?-
-Non ne ho idea ma spero di no. A vent’anni non si fanno i bambini, è sbagliato. Non si è abbastanza maturi per tirarli su. Lei poi è la persona meno matura che conosco.-
-Si beh, abortirà sicuramente.-
-Eh  non è che sia semplice. Cioè cazzo, se fosse per me, se lasciassi incinta una tipa le direi immediatamente di abortire e se non riuscissi a convincerla la farei abortire a forza di pugni in pancia, però la situazione è complicata, credo. Quando sei incinta subentra l’istinto materno e quelle cose lì e senti che hai un bimbo dentro e non è proprio facile farselo strappare via.-
-Brutte cose, cazzo. Succedono troppe brutte cose, sempre, di continuo. Che mondo di merda. Ieri mi sono infilato una carota nel culo.- Lo dice così, con disinvoltura e poi mi fissa con quel naso schiacciato e la bocca rossa e semiaperta.
-Ottimo.- Gli rispondo prontamente.
-Non vuoi sapere perché?-
-Provo ad indovinare. Per noia? Perché volevi vedere se fa male? Perché volevi provare a mangiare dal buco del culo e cagare dalla bocca come in quella fantastica puntata di south park??- Josh fa un mezzo sorriso -No, mia morosa non voleva darmi il culo perché l’unica volta che abbiamo provato a fare sesso anale le ha fatto malissimo..- lo interrompo – Ma hai usato lubrificanti, l’hai fatto con calma?-
- Si si, però le faceva male lo stesso e cazzo non voleva più farlo, però io ho continuato ad insistere allora mi ha detto che dovevo provare quanto fa male. Mi ha detto che se mi infilavo una carota nel culo poi potevo scoparla dietro.-
-Geniale. Una carota ti ha scopato il culo. Fantastico. E ti è piaciuto?-
-Pensavo di morire-
-Ah e quando hai pensato di morire  hai anche pensato che non vuoi più far sesso anale con lei per non farle male?- Arrivano i due Negroni, facciamo un cin cin e lo assaggio. E’ Fortissimo. Fantastico. Josh ne beve un goccio, fa una faccia schifata e riprende a parlare – No. Ho pensato “porco dio ho una carota infilata su per il buco del culo, appena la tolgo prendo la stronza di mia morosa, la giro e la scopo più forte che posso. Voglio romperla”-
-Bene dai, e poi l’hai rotta?-
-Adesso arriva la parte più bella. Ho tolto quella cazzo di carota, ho iniziato a pomiciare con mia morosa, ho spalmato il lubrificante, ho iniziato a penetrarla piano, poi sempre più forte, lei ha iniziato a far versi da film porno e mi stavo eccitando un casino e spingevo di più e lei ha iniziato a dirmi “no, basta, fermati, fermati” ma io ero preso duro, stavo andando alla grande, non c’avevo alcuna intenzione di fermarmi finchè lei di colpo si è tolta e spluf.-
-Spluf?-
-Spluf porca puttana merda. Si è sfilato fuori il cazzo e subito dopo ha iniziato ad uscire uno stronzo- Inizio a ridere. Rido per un minuto e mezzo senza mai respirare. Mi sento male. Riesco giusto a dirgli di continuare a riprendo a ridere.
-Cazzo tu immagina la scena. Vedi il tuo cazzo che esce e la cappella che vien fuori lentamente da sto bel culo rotondo tipo un tappo di sughero da una bottiglia di spumante e a quel punto vedi sta cosa marrone che sporge dal culo e ti rendi conto che non è una bottiglia di spumante che schiuma ma un culo che sta cagando.-
Rido ancora. Molto. – E ti ha cagato sul letto?-
-No cazzo, è uscito un pezzo di stronzo, un cinque centimetri ed io l’ho fermato con la mano, ho urlato “no no no tira in dentro” e lei ha tirato le chiappe e l’ha tagliato e mi son trovato con uno stronzo in mano.-
-Oddio. Oh gesù cristo, è la scena migliore che mi abbiano mai raccontato! Ti ha cagato in mano? Hahahaha cazzo sei un genio!-
-Parla piano testa di cazzo, non farti sentire, non voglio che lo sappia tutto il bar-
-Beh ma le storie girano, tra un mese lo sapranno tutti. Beh e poi? Hai cercato di far tornare lo stronzo da dov’era uscito?-
-No, mi sono alzato, sono corso in bagno, l’ho buttato nel water, l’odore di merda mi stava uccidendo, sono andato al lavandino, mi è venuto un conato di vomito, ho iniziato a lavarmi le mani e ho vomitato nel lavandino. Poi mi son ricomposto e sono tornato in camera e lei era lì a letto che piangeva e mi diceva scusa scusa ti avevo detto di fermarti…. Mi ha fatto una gran pensa. Allora le ho detto “tranquilla si vede che doveva succedere” e ho cercato di riderci su. Le ho detto che non voglio più fare sesso anale e lei mi ha detto che le mie mani puzzavano di merda. Siamo tornati in bagno, lei si è pulita il culo, io le mani e l’uccello-
-Tutto ciò è disgustoso ma affascinante. Devo raccontarlo a qualcuno.-
-Giuro sulla testa di mia madre che se lo dici a qualcuno ti ammazzo-
-Dai Josh questo segreto è impossibile da tenere. E poi lo dirai tu a qualcun altro che lo dirà a qualcun altro e tra un mese lo sapranno tutti. Oppure tua morosa lo dirà a un amica e sai come sono le femmine, tra un mese lo saprà il mondo-
-Se lo dici a qualcuno ti ammazzo! Ecco, cazzo, stanno arrivando gli altri, stai zitto!- Mi volto e vedo Willy il Moro e lo Zio che si stanno avvicinando, con indifferenza bevo un bel sorso del mio negroni e dico -Ok Josh vai tranqui, non lo dirò a nessuno.-
Poi gli altri tre sono di fianco a me, ci salutiamo, gli chiedo se bevono qualcosa e Willy mi dice – Dai, smettila di bere, sei un alcolizzato di merda. E’ già tardi, dobbiamo andare a fare la spesa per la festa!-. Lo guardo come guarderesti uno che ti ha appena pisciato su una scarpa – Sei imbecille? Adesso hai fretta? Dopo che ci avete fatto aspettare mezzora? idioti di merda. Dai, fanculo, andiamo.- Secco il Negroni e mi alzo, Josh resta seduto e mi fissa – Ne ho ancora tre quarti, se lo bevo tutto alla russa sto male.-
-Allora lascialo lì – gli faccio, e poi, rivolto agli altri – dai che è tardi, andiamo via-.
Josh ride – Si, lo lascio qui, così lo buttano via. Non si può sprecare tutto questo ben di dio.-
Beve il negroni tutto d’un fiato, tira un sonoro rutto e ci segue verso le macchine. Non abbiamo pagato i negroni, ma non mi pare un grosso problema. Invece un grosso problema è riuscire a non raccontare a nessuno la storia di Josh che si infila una carota in culo e si fa cagare in mano. Vedrò cosa riesco a fare

8 commenti:

  1. Beh... nudo e crudo questo post. come la realtà.
    e pensare che io stasera volevo fare il minestrone con le carote.
    Forse cambio verdura.

    RispondiElimina
  2. Benvenuta giò!
    Basta che mentre mangi il minestrone non pensi che quelle carote potrebbero essere state nel retto di qualche agricoltore biricchino.
    Devi far così, perchè senza le carote che cazzo di minestrone è??

    Bill Lee

    RispondiElimina
  3. Più che post dell'anno, mi sembra il post dell'ano.
    In ogni caso è fottutamente fantastico.

    RispondiElimina
  4. Pensa che una mia amica non fa sesso anale perchè la sua migliore amica dopo che il ragazzo gliel'ha buttato dentro ha detto "esci esci" ed è partita la diarrea.

    Beh, non mangiate se leggete questo commento.

    RispondiElimina
  5. ok, l'ho letto con calma ieri sera seguendo i tuoi consigli. cosa vuoi che ti dica, io ero rimasto un po' inquietato dagli occhi di squalo. Comunque dai, l'hai già sputtanato qui sul blog, accontentati e non sputtanarlo agli amici. E poi pensa quella poveretta come cazzo si deve essere sentita. E' proprio il caso di dirlo, di Merda!

    RispondiElimina
  6. Fantastico Bill, mi sono sganasciato dalle risate (e sono sol in ufficio).
    Cazzo, vai forte davvero! (si dice così, vero?)
    Molto bene, ti editerò volentieri.
    Intanto guarda qua:

    http://www.youtube.com/watch?v=cifnZjQf7IU&feature=player_embedded

    Molto bello, storie di TAZ e rave.

    Ottime cose a te

    RispondiElimina
  7. sileno: ma non è mica una storia vera per dio!
    E' una di quelle cose che senti a quindici anni ma non sai mai se sono vere o no..
    Ma quanto pare urno conferma che a volte capita.

    @paolo: grazie, na sera di queste guardo quella roba e ti faccio sapere!

    anzi, ho appena visto l'intro e mi prende già bene!

    Bill Lee

    RispondiElimina
  8. meno male che non è storia vera, porca merda!

    RispondiElimina